Maturità e prestazioni al top: per De Silvestri un altro finale in crescendo

di Veronica Guariso - 16 Maggio 2019

Lorenzo De Silvestri è uno dei cardini di questo Torino. Sta chiudendo al meglio la stagione come lo scorso anno: col Sassuolo è stato determinante

Stessa storia, stesso posto, stesso Lorenzo De Silvestri. Il terzino del Torino sta infatti ripetendo il finale di stagione dello scorso anno, con un rendimento in crescendo. Nell’ultima sfida contro il Sassuolo, la terzultima della stagione, è andato subito vicino al vantaggio con un colpo di testa su cross di Berenguer, bloccato da Consigli, e si è reso autore di due assist, che hanno portato Belotti a segnare la doppietta. La parte finale della stagione è perciò quella che più lo aggrada rendendolo protagonista ancora ed ancora. Mancano ancora due sfide e potrebbe essere cruciale il suo apporto soprattutto data la sua bravura nello stacco di testa sui calci piazzati, anche se la probabilità di andare in Europa League è molto bassa con il settimo posto che non basta più per qualificarsi.

De Silvestri, due finali di stagione dal responso positivo

De Silvestri lo scorso anno aveva chiuso col botto e si sta ripetendo anche in questa stagione. La cattiveria agonistica nel rush finale aumenta, dandogli quella carica in più che lo fa spesso risultare tra i migliori in campo. Fino ad ora per quest’anno, aveva anche la qualificazione in Europa League a motivarlo, che ormai sembra essere lontana, ma non per questo abbasserà i ritmi.

Nella scorsa stagione aveva segnato 3 gol nelle ultime 5 partite, portando il Torino al pareggio con il Milan ed il Napoli, e la vittoria con la Spal. Quest’anno invece sta dando un apporto importante e col Sassuolo lo ha dimostrato in tutta la sua bravura, con un gol mancato all’inizio e due assist. Il Toro può quindi contare su De Silvestri, che oltre ad essere imponente in fascia, può rivelarsi fondamentale anche per i gol.

De Silvestri, motivatore dentro e fuori dal campo

Alla sua terza stagione in granata, Lorenzo De Silvestri è diventato un trascinatore all’interno dello spogliatoio ma non solo. Assieme al Gallo Belotti sembra avere riacquistato l’ottimismo e la cattiveria necessari a portare su il club granata, in settima posizione e che spera ancora nell’Europa League. Mazzarri ha capito il valore del numero 29 granata, che ha ottenuto 30 presenze in campionato, contando due assenze per infortunio.

Nell’ultimo periodo il tecnico ha scelto di non privarsene se non per cause di forza maggiore e si è rivelata la scelta più azzeccata. La stagione in crescendo di De Silvestri ha aiutato il Torino a crederci e lottare, così come le sue parole dedite a motivare l’intero ambiente: “Adesso siamo lì, ci siamo, abbiamo fatto il record dei punti del Toro in Serie A nell’era dei 3 punti e dobbiamo finire al meglio la stagione“.

più nuovi più vecchi
Notificami
tarzan_annoni
Utente
tarzan_annoni

Ha due difetti…..laziale e ha giocato nei gobbi di mare

tarzan_annoni
Utente
tarzan_annoni

Nulla da eccepire. Non sarà Cafù ma mette cuore, polmoni, sangue e anima in ogni partita. Grande esempio e personaggio carismatico. Grande Lollo

odix77
Utente
odix77

si ma ha dei limiti notevoli difensivi….. il gol di ronaldo nelderby arriva dall’ennesimo cross di spinazzola che se lo sverniciava ormai da 20 minuti…. in difesa è troppo lentoe facilmente saltabile…..su impegno e grinta ovviamente niente da dire anzi.

leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
Utente
leonardo (Cairo,le scuse sono finite)

Il suo lo ha sempre fatto…e 1 solo commento…va beh ..