Juric proverà i due nuovi innesti. Segre candidato a trovare spazio in mediana, come Horvath sulla trequarti

Il Torino di Ivan Juric farà il suo esordio stagionale quest’oggi alle ore 14.30. L’avversario è l’Eintracht Francoforte, vincitore dell’ultima Europa League, nella cornice di Bad Wimsbach. Un incontro che giunge a meno di un mese dalla trasferta di Monza, che segnerà l’inizio del nuovo campionato. Non manca poi così tanto alla resa dei conti. Ad oggi il Toro si presenta però come un cantiere aperto e Ivan Juric è chiamato a questo primo faccia a faccia esterno all’ambiente granata, facendo di necessità virtù.  Il mercato non sembra decollare come i tifosi e molto probabilmente lo stesso Juric auspicava. È un Toro attendista, la cui manovra resta legata a un’ altamente probabile cessione – quella di Bremer – che al momento fatica ancora a tramutarsi in realtà. Ed ecco che i granata si schiereranno quest’oggi con opzioni di ripiego. Con tanti vuoti lasciati da chi per un motivo o per l’altro non apparirà più con il granata addosso. 

In campo Bayeye e Radonjic

Juric al momento può usufruire di sole due facce nuove da aggiungere alla rosa della scorsa stagione. Bayeye e Radonjic avranno già l’occasione di mettersi in mostra e di provare a guadagnarsi passo dopo passo la fiducia degli appassionati granata, dopo tanto scetticismo iniziale. Un percorso che nasce dall’incontro con la formazione militante in Bundesliga, che il Toro proverà a fronteggiare anche con l’inserimento di diversi giovani. Nelle giornate scorse abbiamo scritto di un Juric costretto ad attingere dalla Primavera, da cui ha pescato ben sei giocatori. Tra questi ovviamente non può più rientrare Jacopo Segre, reduce dal prestito a Perugia e molto accreditato a guadagnarsi spazio in mediana in occasione dell’impegno odierno. L’identikit non è dissimile dal momento di carriera di Krisztofer Horvath, anch’esso rientrato alla base dopo il periodo vissuto tra le fila dello Szeged. Juric lo ha coinvolto particolarmente in queste prime fasi di ritiro, collocandolo nella trequarti campo. Occasione dunque da non sprecare per questi interpreti sul filo tra la cessione e un nuovo inizio in granata. Si spera che il mercato possa però deresponsabilizzarli e garantirgli una graduale crescita. 

Krisztofer Horvath
Krisztofer Horvath
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 15-07-2022


23 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
salacercipersempre
salacercipersempre
1 mese fa

Come sarebbe? Perchè Babeye e Segre erano in campo?????

ardi06
ardi06
1 mese fa

Su horvath ci conto, può essere pronto quest’anno o dal prossimo, ma prima di tutto bisogna che la società spenda due noccioline per allungargli il contratto in scadenza nel 2023, diversamente temo ce ne pentiremo

MondoToro
MondoToro
1 mese fa

I vecchi tifosi del Toro, noti zerotreini, tra un tiro di sigaretta e l’altro avrebbero semplicemente proferito un laconico “parlapá'”, i più volgari un più diretto “cujun!” accompagnato dalla relativa espressione. (Perdonare eventuali errori non so scrivere il dialetto) Adesso invece dobbiamo gonfiare il petto perché se no non siamo… Leggi il resto »

Torino, i numeri di maglia: Sanabria prende il 9 di Belotti, Lukic indosserà ancora il 10

Cairo-Blackstone: pace fatta. C’è l’accordo che chiude il caso: è UFFICIALE