Ola Aina gode della stima di Juric, per il nigeriano l’amichevole contro l’Az Alkmaar e la sfida di Coppa Italia saranno test importanti

Ola Aina, tornato al Torino dopo l’esperienza in prestito al Fulham, come tutti i suoi compagni si è dovuto mettere in gioco per cercare di conquistare Juric. Il terzino nigeriano sembra essere riuscito a centrare l’obiettivo. Ola Aina è un giocatore che piace molto a al tecnico ex Hellas Verona. Il giocatore ex Chelsea nonostante la nostalgia per il Fulham e per il calcio inglese, come trapelato quando qualche settimana fa ha dichiarato: “Il Fulham è parte di me”, si è saputo mettere in gioco. Ha dimostrato a Juric le sue qualità e adesso va verso la permanenza in granata. Ora, per quanto riguarda il terzino nigeriano e tutto il Toro, Juric attende le ultime conferme nell’amichevole di domenica 8 agosto contro l’AZ Alkmaar e nel primo impegno ufficiale della stagione con il match di Coppa Italia contro il Cosenza in programma il 15 agosto.

Il passato di Ola Aina in granata

Nelle due stagioni in cui Ola Aina ha vestito la maglia del Toro, prima del prestito al Fulham, mancava di continuità e riusciva raramente a collezionare prestazioni soddisfacenti, nonostante avesse dimostrato di essere un giocatore dotato di un’ottima corsa e di sapersi inserire molto bene nell’area di rigore avversaria. L’ultima esperienza inglese per Ola Aina, nonostante la retrocessione del Fulham in Championship, non è stata del tutto negativa. Infatti, il difensore di proprietà del Toro era riuscito a collezionare una serie di buone prestazioni. Ora con Juric pare un giocatore rigenerato. I due parlavano spesso durante gli allenamenti a Santa Cristina, con il difensore granata che oltre ad essere stato ripreso qualche volta ha ricevuto anche diversi complimenti da parte di Juric. Segno che il tecnico croato vuole lavorare su Ola Aina perché crede nelle sue potenzialità.

Per Juric può essere una risorsa

Il difensore ex Fulham, oltre ad aver dimostrato a Juric di essere un giocatore con tanta voglia di fare bene e dotato di una grande fisicità, si è rivelato un giocatore duttile che può rivelarsi molto utile nello scacchiere del tecnico croato. Il nigeriano infatti può essere schierato sia come esterno a destra, ruolo che Ola Aina ha ricoperto nell’amichevole contro il Rennes persa 1-0, sia come esterno di sinistra. Infatti dopo la partita contro i francesi Juric aveva dichiarato: “Ola Aina può giocare indifferentemente sui due lati. Mi piace anche perché porta nel gruppo il suo ‘London style’, una visione diversa del mondo. Poi ha qualità, cross e dribbling: deve migliorarsi, ma il calciatore c’è”. Inoltre nel caso ce ne fosse proprio bisogno può giocare anche nella difesa a 3. Il giocatore nigeriano però dovrà sgomitare molto per ottenere un posto da titolare e dovrà contendersi il posto con Ansaldi, che ha rinnovato il suo contratto, e con Singo rientrato da pochi giorni dall’esperienza olimpica con la Costa d’Avorio. Ola Aina vorrà sicuramente ripagare sul campo la stima e la fiducia che Juric ripone in lui.

Ola Aina a Santa Cristina Valgardena
Ola Aina a Santa Cristina Valgardena

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 06-08-2021


25 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Peterpann
Peterpann
2 mesi fa

azzz…… ci mancava pure il “London Style”…….

tore110
tore110
2 mesi fa

Tutti i cadaveri riciclati … questa sembra essere l’ultima politica . Siamo passati da Rincon regista a Aina imprescindibile e Verdi recuperabile , passando per Savic titolare dopo essere stato scartato ovunque e arrivando per Zaza possibile titolare .
Il 2021/22 sarà l’anno del riciclo .

thethaiman
thethaiman
2 mesi fa
Reply to  tore110

Nell’epoca della transazione ecologica il riciclo ci proietta direttamente nel futuro.

mas63simo
mas63simo
2 mesi fa

Se è x questo crede anche in Cairo ……. e ho detto tutto! 🤣🤣🤣🤣🤣🤣🤣

Lewishenry - #conCairononmiabbono (neancheasky)
Lewishenry - #conCairononmiabbono (neancheasky)
2 mesi fa
Reply to  mas63simo

👍👍👏👏

Torino-Pro Vercelli: le modalità per il rimborso dei biglietti

Verdi ha due possibilità per convincere Juric