Torino-Lazio, i precedenti in casa granata della Serie A 2020-2021

Dalla rimonta del Grande Torino all’addio di Moretti: i precedenti di Torino-Lazio

di Giulia Abbate - 30 Ottobre 2020

I precedenti di Torino-Lazio / Sono 65 le sfide giocate in casa del Torino: il bilancio è di 28 vittorie per i granata, 23 pareggi e 14 sconfitte

Torino-Lazio continua a restare appesa ad un filo, all’esito dei tamponi dei biancocelesti effettuati proprio oggi a Formello, i cui risultati arriveranno presumibilmente in serata. Solo dopo, infatti, verrà stabilito se la sfida del Grande Torino, in programma per domenica 1° ottobre, si potrà disputare oppure no. In caso di via libera, ad andare in scena sarà la 131^ sfida tra granata e laziali in Serie A. La 66^, in particolare, a giocarsi tra le mura amiche del Torino che ha conquistato 28 vittorie e 23 pareggi. Al contrario, la Lazio può vantare appena 14 successi lontano dall’Olimpico. L’ultimo dei quali conquistato la passata stagione.

Torino-Lazio, l’ultimo successo biancoceleste

Le due squadre arrivano da momenti diametralmente opposti: i granata sono in piena lotta per la salvezza mentre la squadra di Inzaghi è, al polo opposto della classifica, in lotta per lo scudetto. Pronti via, è però il Toro ad aprire le danze con un rigore regalato da Immobile al compagno di Nazionale Belotti che porta in vantaggio i granata. L’effetto, però, non è quello sperato: il vantaggio invece di spingere i padroni di casa li fa “sedere” e gli ospiti ne approfittano ribaltando nettamente il risultato grazie alle reti di Immobile e Parolo che nella ripresa siglano il 2-1 definitivo.

Se si cerca, invece, la miglior vittoria della Lazio in casa Toro bisogna risalire fino al 2006. Quell’anno i granata erano riusciti a riacciuffare la Serie A guidati da Zaccheroni mentre i biancocelesti veleggiavano verso quella che a fine stagione sarà la loro personale qualificazione in Champions League e la differenza in campo si vede. Il match è e resta saldamente in mano laziale per tutti i 90 minuti: al 48′ Rocchi apre le danze seguito poi dalla doppietta di Oddo (una rete su rigore) mentre è Mauri a siglare il poker. In campo, il 4-0 della Lazio lascia poco spazio ai commenti, dagli spalti dell’Olimpico, al contrario, piovono i fischi.

Le imprese del Grande Torino

Ma guardiamo in casa Toro. Perchè se è vero che il poker della Lazio è la peggior sconfitta, i granata non sono stati da meno, nella loro storia. Soprattutto se si torna alle imprese del Grande Torino. Il 30 maggio 1948 al Filadelfia i granata disegnano uno dei loro tanti capolavori. E per giunta, in rimonta. A farla da padrone, almeno inizialmente, sono infatti gli aquilotti che passano in vantaggio dopo appena 6 minuti con Puccinelli raddoppiando 7 giri di lancetta più tardi grazie all’autorete di Grezar. Al 20′, poi, arriva il 3-0 di Prenzo.

Sguardi allibiti dagli spalti, dove i tifosi non erano certo abituati a vedere un Toro arrendevole. E infatti i granata non solo risorgono grazie alla rete di Castigliano al 25′ ma ribaltano il match. Gabetto inforca il 2-3, Castigliano si ripete e Capitan Mazzola la chiude: 4-3 e dagli spalti gli occhi sbigottiti lasciano ancora una volta spazio alla festa granata. La stagione precedente, invece, il match fu decisamente meno combattuto: ad aprire le danze ci pensa Valentino Mazzola al 31′ del primo tempo poi, dopo le polemiche seguite alla decisone del direttore di gara di far cominciare il secondo tempo nonostante in campo mancassero due giocatori della Lazio, il Toro dilaga. Gabetto porta il vantaggio sul 2-0 seguito dal Capitano che sigla la sua personale doppietta. Al 72′ va a rete anche Menti seguito dalla Lazio che prova a riaprire un piccolo spiraglio con il gol di Koenig. Spiraglio chiuso definitivamente dal terzo gol di Mazzola che mette il punto finale al match: il tabellone, al fischio finale, segna 5-1.

Torino-Lazio, l’addio di Moretti

Venendo ai giorni nostri, l’ultimo successo del Torino in casa contro la Lazio risale alla stagione 2018/2019: ultima sfida di campionato e, soprattutto, ultima partita in maglia granata di Emiliano Moretti. Da lì a qualche giorno, infatti, il difensore avrebbe appeso gli scarpini al chiodo entrando a far parte della dirigenza del Toro. E i granata non potevano onorare al meglio l’addio di uno dei giocatori più amati degli ultimi anni: il primo tempo si chiude a reti inviolate ma è nella ripresa che i granata brillano. Iago Falque porta i suoi in vantaggio e dopo appena 2 minuti è Lukic a raddoppiare. Al 66′ Immobile accorcia le distanze nello stadio che un tempo è stato anche casa sua ma il tentativo di rientrare della Lazio viene cancellato da De Silvestri che sigla il definitivo 3-1 e consegna nelle mani di Moretti la sua ultima grande vittoria.

Emiliano Moretti
Emiliano Moretti, Torino