Torino, Longo ha provato il 4-4-2, il modulo del futuro

Prime prove di 4-4-2: Longo può cambiare faccia al suo Torino

di Veronica Guariso - 19 Febbraio 2020

Nel finale della sfida con il Milan, Longo ha scelto di utilizzare il 4-4-2 con Aina e Millico esterni alti: potrebbe essere il modulo del futuro

Un’altra prestazione deludente. Un altro risultato poco soddisfacente. Contro il Milan è arrivata un’altra sconfitta per il Torino di Longo, nonostante i miglioramenti sul piano dell’atteggiamento. Dopo un primo tempo confusionario, che ha visto il Milan portarsi in vantaggio al 25′ con Rebic, c’è stata una piccola evoluzione nella ripresa. Il secondo tempo è infatti cominciato con un piglio diverso, c’è stata una reazione insufficiente però a cambiare le sorti della partita. Longo ha poi cercato di correre ai ripari con i cambi, inserendo prima Zaza per Edera, poi Aina e Millico per Lyanco e Berenguer. Con le sostituzioni è cambiato anche il modulo e il Torino è passato al 4-4-2.

L’esperimento nel finale di Milan-Torino

L’esperimento di Longo non ha cambiato l’esito dell’incontro di San Siro, ma potrà essere riproposto in futuro. Con il passaggio al 4-4-2, Aina e Millico hanno agito da esterni molto offensivi di centrocampo con il compito di alzare il baricentro della squadra e aiutarla in fase offensiva. De Silvestri e Ansaldi si sono invece abbassati sulla linea difensiva: per caratteristiche, rispetto ad Aina sono più propensi a difendere.

Torino: il 4-4-2 può giovane anche a Verdi e a Berenguer

Il 4-4-2 potrebbe quindi essere il modulo del futuro. Longo vuole sfruttare le fasce per facilitare l’arrivo dei palloni in area per Belotti, ma anche per Zaza, considerato che il tecnico granata non ha mai nascosto il desiderio di far giocare insieme il più possibile i due centravanti. Come esterni offensivi di centrocampo potrebbero essere impiegati anche Verdi e Berenguer, che proprio in questa posizione potrebbero esprimere al meglio le proprie qualità tecniche e atletiche.

più nuovi più vecchi
Notificami
policano68
Utente
policano68

La squadra ha bisogno di sostegno il resto andrà considerato a bocce ferme. Forza Toro

Gigi
Utente
Gigi

Bisogna anche dire che la squadra é completamente priva non solo di schemi ma anche di gioco tecnico. Un’infinità di errori, e in possesso palla difficilmente nasce un’azione dal centrocampo. Belotti corre, suda, impegno al massimo per carità.., ma zero sui dribbling, zero sul controllo palla… a parte i suoi… Leggi il resto »

odix77
Utente
odix77

belotti non è un campione o almeno non nel senso Tecnico del termine… belotti è un giocatore che fa delle sue doti fisiche la prima arma e se messo in area nelle condizioni giuste sa essere di sicuro rilevante in fase di gol… ma appunto chiedere a belotti di stoppare… Leggi il resto »

gianlu68
Utente
gianlu68

Penso che finché la squadra galleggiava, Belotti di colpi individuali ne abbia fatti.
Nelle ultime partite con i compagni inesistenti ha perso forza e determinazione anche lui.

ocirne
Utente
ocirne

Per sempre riconoscente a Moreno per il coraggio dimostrato a fare da badante ai “difficilmente migliorabili”