Lanciato al posto di Sirigu, Milinkovic-Savic non dà sicurezze al Torino: anche la porta è un problema della squadra granata

Non è stata una sorpresa, perché già nelle ore antecedenti alla partita trapelava la decisione di Giampaolo: fuori Sirigu, dentro Vanja Milinkovic-Savic. La Roma, il tecnico voleva affrontarla prendendo decisioni forti, rumorose ma non sbandierate. Così è stato. Eppure il gigante serbo, tra i pali, non ha certo fatto meglio del titolare. Anzi. Ha fatto tremare al primo pallone toccato, perché non lo ha trattenuto, e meglio poteva respingere la conclusione sugli sviluppi della quale è nato il gol di Mkhitaryan. In più i difetti in uscita non hanno certo dato al Toro la sicurezza che invece dovrebbe essere imprescindibile per un collettivo fragile (con quelli dell’Olimpico fanno 30 reti subite in 12 giornate: profondo rosso).

Vagnati e Giampaolo: come hanno parlato dell’esclusione di Sirigu

Insomma, il Torino ha un problema anche in porta. Come se già gli altri non fossero sufficienti. Il ds Vagnati, prima della partita, aveva spiegato così l’esclusione: “Non c’è un caso, è stata una scelta tecnica dell’allenatore. Ma qui deve rimanere solo chi ha voglia”. Disinnesco più stoccata, insomma. Giampaolo ha seguito solo la prima strategia: “Sirigu è un buon portiere”, ha dichiarato nel dopopartita, “ma a volte devi cambiare per alzare il livello delle motivazioni”.

L’alternativa, Milinkovic-Savic, si è confermata non all’altezza. Ma d’altronde non poteva essere diversamente. Ora bisognerà vedere quali saranno le ripercussioni di questa decisione. Ben venga, se sarà funzionale a far scattare una reazione d’orgoglio in Sirigu, che già contro il Bologna potrebbe tornare a difendere la porta. Almeno in quel ruolo, al Toro, servono sicurezze.

Vanja Milinkovic-Savic
Vanja Milinkovic-Savic
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 18-12-2020


19 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
LeovegildoJunior
LeovegildoJunior (@leovegildojunior)
11 mesi fa

L’allenatore avversario quando deve incontrare il Toro quest’anno fa un rapidissimo briefing agli attaccanti “tirate da ogni posizione, tanto basta prendere lo specchio ed è gol!” Sicurezze, ma PER FAVORE!!!!

LeovegildoJunior
LeovegildoJunior (@leovegildojunior)
11 mesi fa

Muuuhahahahaahhhahhhaaa “almeno in quel ruolo, al Toro, servono sicurezze” Azzzzzpita, 27 gol in 11 partite me le chiamate sicurezze? Sono 2,45 gol a partita, nemmeno saponetta Hart arrivò mai a tanto, si fermò a un dignitosissimo 1,73. Per non parlare di Padelli che al confronto del Sirigu di quest’anno sembra… Leggi il resto »

ale_maroon79
ale_maroon79 (@ale_maroon79)
11 mesi fa

Tolto Sirigu, coi rimanenti tre (Rosati, Ujkani e Milinkovic-Savic) non ci fai un portiere intero.

leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
leonardo (Cairo,le scuse sono finite) (@poppi1)
11 mesi fa
Reply to  ale_maroon79

Ma stai parlando della sagoma?quello che in primavera respingeva davanti alla porta invece che di fianco .come a dire..prego faccia pure gol…quello inchiodato sulla riga di porta,che basterebbe un passo che l’attaccante non la vede mai?quello che con cross dalla trequarti lenti e lunari lascia che gli attaccanti colpiscano indisturbati… Leggi il resto »

Roma-Torino è anche una sfida tra numeri 9: il duello Dzeko-Belott

Cairo: “Partita condizionata: Singo non andava espulso”