Ieri le sfide in Nazionale: Serbia-Nigeria finisce 2-0, ma Ljajic e Obi giocano bene e non tradiscono le aspettative. Ancora panchina, invece, per Niang

Non ha deluso le aspettative Joel Obi. Finalmente, il suo ritorno in Nazionale è stato sancito, e il Torino può esultare. Così come è contento per Ljajic, ieri avversario proprio del nigeriano. Non convince invece il Senegal Niang, che resta ancora in panchina. Ma è proprio sul nigeriano e sulo serbo che l’attenzione dei granata maggiormente verteva. In particolare, proprio Obi. Ottimi segnali da parte del centrocampista, che sembra aver davvero lasciato alle spalle i suoi problemi fisici. L’ex Inter e Parma ha giocato nella consueta posizione di centrocampista interno di sinistra, e ha tenuto un’intensità davvero molto alta. Un ottimo punto da cui ripartire, pensando al futuro e in particolare a quelle voci di calciomercato che ora il Torino deve pensare di allontanare.

Torino: da Obi a Ljajic. Ache il serbo è convincente

Non solo Obi, anche Ljajic, ieri, si è ritagliato un buono spazio. Serbia-Nigeria finisce 2-0, e se il centrocampista granata perde, vince invece il fantasista serbo. Il numero 10 è stato schierato da trequartista, il ruolo che più predilige, nel 4-2-3-1, sui cui Mihajlovic ha lavorato molto in questi mesi, prima dell’esonero. L’ex Inter ha giocato, come Obi, per gran parte della gara, venendo poi sostituito da Zivkovic: non ha realizzato nessun assist come invece è capitato la scorsa partita, ma i colpi di classe non sono mancati e per Mazzarri si tratta di un ottimo segnale, qualora si decidesse a impiegare il suo numero 10 in pianta più stabile nel Torino.

Toro: Niang delude Mazzarri, altra panchina in Nazionale

Il pupillo di Mazzarri, M’Bayé Niang, invece, non è sceso in campo nella partita contro la Bosnia. Si trattava di un derby della Mole internazionale, dal momento che tra gli avversari del Senegal giocava Miralem Pjanic, centrocampista della Juventus. Niang, però, ha collezionato la sua seconda panchina consecutiva, figlia di una crisi che si riversa anche nel Toro e che non sembra trovare ancora una sua vera via d’uscita.


4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
4 anni fa

Già già. Visto la Colombia contro la corazzata Francia. Sotto di 2-0, coi palleggiatori che hanno, gliene hanno ficcati 3…….già, basta correre a calcio. Se hai i piedu buoni risolvi SEMPRE.

Giankjc (La Gang del Bosco)
Giankjc (La Gang del Bosco)
4 anni fa

Ciao Vanni👋

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
4 anni fa

Ciao boscaiolo

Giankjc (La Gang del Bosco)
Giankjc (La Gang del Bosco)
4 anni fa

Sarà che tutti gli altri non capiscono un ca*zo mentre testadighisa&C. sono fini intenditori. Come il pazzo che prende l’autostrada contromano, son da ricovero tutti quelli che incrocia!

Toro, ecco il Cagliari: emergenza a centrocampo, Lopez corre ai ripari

Toro, aiuta Belotti: la Nazionale va riconquistata