L’attaccante ex Milan dopo essersi fatto male a Bologna e aver saltato il match contro la Sampdoria spera di rientrare per la Roma

Il Toro non ha avuto neanche il tempo di festeggiare la bella vittoria ottenuta contro la Sampdoria tra le mura amiche dello stadio Olimpico Grande Torino che ha già dovuto iniziare a pensare alla partita contro la Roma. Una partita che i granata non potranno assolutamente sbagliare, per diversi motivi. I principali sono: dare continuità al successo ottenuto mercoledì sera, finire al meglio la prima parte della stagione prima della lunga pausa per i Mondiali. Chi spera di esserci per il match contro i giallorossi è Pietro Pellegri che, dopo essersi fatto male nei primissimi minuti della sfida contro il Bologna, è stato costretto a saltare la partita contro la Sampdoria. Il numero 11 del Toro vuole riprendersi il suo posto al centro dell’attacco granata, per poter dare una mano ai suoi compagni alla ricerca dei 3 punti. Sperando di poter replicare la prestazione che l’attaccante ex Milan rimediò il 29 maggio 2017, giorno dell’addio al calcio di Francesco Totti, proprio all’Olimpico contro la Roma quando a soli 16 anni l’attaccante classe 2001, con addosso la maglia del Genoa, realizzò il primo gol in Serie A. La stagione successiva una doppietta alla Lazio, sempre in quello stadio. Un episodio che sicuramente non capita tutti i giorni e chissà che quei ricordi possano accendere un fuoco dentro a Pellegri.

Pellegri e quel feeling speciale con Juric

Tra tutti il primo a sperare che Pellegri possa tornare a disposizione per la partita contro la Roma è senza alcuna ombra di dubbio Ivan Juric. Il tecnico croato non ha mai nascosto di puntare molto sul numero 11 granata, con il quale già dai tempi del Genoa ha instaurato un feeling molto speciale. L’ultima dimostrazione Juric l’ha data in conferenza stampa alla viglia del match contro il Bologna quando ha dichiarato: “Pellegri può diventare un top, adesso però è al 10%, ha le potenzialità per diventare un giocatore importante. Altri sono buoni giocatori ma top è un’altra cosa, credo sia l’unico di questo gruppo che possa diventare un top”. Ora toccherà all’attaccante genovese dimostrare di poter diventare un fuoriclasse. Questo a partire dal match contro la Roma, se riuscirà a recuperare dall’infortunio.

Pietro Pellegri
Pietro Pellegri
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 11-11-2022


61 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
thethaiman
thethaiman
20 giorni fa

7 punti dalla Champions? Beh, in prospettiva alla fine potrebbero essere 19. L’anno scorso 20. Siamo in una botte di ferro…..

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
20 giorni fa
Reply to  thethaiman

Si però se poi scriviamo che avete il QI<30 spero non ve ne abbiate a male.

Ora capisco 0.3ebasta, sappiamo il livello, ma pure tu?

MondoToro
MondoToro
20 giorni fa

E da lì in poi gol a raffic… Ah no.

BiriLLo
BiriLLo
21 giorni fa

Mi sembrava che il calcio, almeno nei ruoli in campo, fosse facile. Perso (forse) Pellegri, ci manca una punta.. Sanabria spero.

BiriLLo
BiriLLo
21 giorni fa
Reply to  BiriLLo

Il resto sono solo inxazzamenti. Un centrocampista anche trentenne e per l’appunto una punta da 8/10 goal non si poteva fare ? Dio silos di riso, tre porci per ogni chicco @!#

Cairo-Belotti, il primo faccia a faccia dopo mesi: “Se segna bene, ma non domenica…”

Lukic, Milinkovic-Savic e Radonjic al Mondiale con la Serbia: è arrivata la convocazione ufficiale