Torino e Serie A: i tempi per ripartire. Ai club 3 settimane per allenarsi

Torino, i tempi per ripartire: ai calciatori servono tre settimane di allenamenti

di Francesco Vittonetto - 5 Aprile 2020

Lo scenario per la ripartenza della Serie A: almeno tre settimane di ritiri. Ma il coronavirus non dà certezze. Intanto Longo studia il mini-ritiro

Per Uefa e Figc la linea è chiara: la stagione calcistica 2019/2020 va portata a termine. Anche se questo dovesse comportare lo sfruttamento di buona parte dell’estate. Ma la certezza non arriverà dalle stanze dai bottoni di Nyon e Roma, perché a indirizzare il futuro del pallone sarà il virus. Solo debellando – o depotenziando sensibilmente – il Covid-19, la Serie A potrà tornare in campo il 20 maggio come ha indicato speranzosamente Gravina. Dei tempi certi, ad ogni modo, già ci sono. Affinché riprendano le partite tutte le squadre, Torino compreso, dovranno avere a disposizione almeno 3 settimane (se non un mese intero) per allenarsi e rimettersi in forma.

Serie A, stop allenamenti fino almeno al 13 aprile

L’ultimo decreto del Governo Conte – che però è suscettibile di nuovi prolungamenti – impone lo stop agli allenamenti fino al 13 aprile. Realisticamente, ipotizzano in Lega, i club potrebbero tornare in campo a inizio maggio per effettuare una mini-preparazione.

Anche per il Toro di Longo si tratterebbe del minimo indispensabile per affrontare il tour de force che aspetterà tutti alla – eventuale – ripresa (molto probabilmente si disputeranno gare ogni tre giorni).

Torino, ritiro con Longo: ecco perché

Il piano è quello di un nuovo ritiro. Ciò permetterebbe innanzitutto di monitorare con maggiore efficacia i quadri clinici di calciatori e staff tecnico. Il Toro, attualmente, non ha casi conclamati di coronavirus: evitarli anche alla ripresa è l’obiettivo primario del club.

Poi consentirebbe a Longo di tenere sotto controllo le condizioni atletiche del gruppo. I calciatori si stanno allenando individualmente, ciascuno nella propria abitazione. “Ma il pallone manca”, per citare un’intervista rilasciata qualche settimana fa da Tomas Rincon. E per vederlo rotolare di nuovo servirà tempo.