Il pareggio di Bergamo ha permesso al Toro di lasciarsi le ultime tre alle spalle, ma davanti c’è chi ne ha approfittato

L’effetto Nicola sul Torino c’è e si vede. I granata sono migliorati sotto diversi punti di vista: dall’atteggiamento al rendimento individuale e di squadra. Invertita la rotta delle rimonte, il prossimo passo è provare ad andare in vantaggio e restarci. La classifica comincia infatti a pesare da questo punto di vista. Se i tre punti conquistati dall’arrivo del tecnico ex Genoa sono preziosi, non bastano ancora a scongiurare del tutto la retrocessione.

I granata devono trovare la vittoria per allontanare la zona calda

I granata, con il 3-3 strappato a Bergamo, sono riusciti a creare un solco di un punto tra le tre squadre che ad oggi sarebbero retrocesse. Dietro il Toro c’è infatti il Cagliari a quota 15 punti. Seguono poi il Parma a 13 e il Crotone a 12, che permettono a Nicola ed i suoi di respirare. Ora però non sono contemplati passi falsi. Seguono due scontri diretti con il Genoa e contro i sardi, che serviranno a delineare la vera dimensione dei granata. Diversa è la situazione per le altre che fino a qualche tempo fa, erano risucchiate nella zona calda della classifica.

Toro, Spezia e Genoa si avvicinano alla salvezza

La forbice con le squadre che sono sopra il Toro si sta infatti allargando, a partire dal Bologna e dallo Spezia, reduce da una vittoria contro il Sassuolo, che ha permesso ai liguri di creare un piccolo solco con le squadre più sotto. La stessa cosa si è verificata con il Genoa, prossima sfidante dei granata che, dall’arrivo di Ballardini, ha commesso un unico passo falso contro i neroversi per quanto riguarda il campionato, risalendo fino alla dodicesima posizione. Nicola dovrà perciò fare il passo successivo e incrementare il vantaggio per non farsi risucchiare nuovamente dalla red zone e al contempo restare vicino a chi è più su.

Lukic e Cragno in Torino-Cagliari
Lukic e Cragno in Torino-Cagliari
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 08-02-2021


7 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari) (@gianky1969)
9 mesi fa

Adeguata dimensione per la cairese, fare la corsa sullo SPEZIA o sul Benevento sperando che ci mettano del loro per fare schifo.
A forza di fare marchette questa è la finaccia della storiella.

Luca@iltorosonoanchio (ex granatapersempre)
Luca@iltorosonoanchio (ex granatapersempre) (@iltorosonoanchio)
9 mesi fa

Bisogna per forza iniziare a vincere qualche partita a partire da quella col Genoa e poi lo scontro diretto col Cagliari perchè gli scontri diretti potrebbe essere decisivi per la classifica (ma spero comunque che non ce ne sarà bisogno). Bisogna riagganciare il treno davanti perchè il Cagliari ha una… Leggi il resto »

davidone5
davidone5 (@davidone5)
9 mesi fa

Il Cagliari ha una rosa più forte della nostra ed è stata costruita meglio di noi la squadra quindi non la considero in lotta per la salvezza. Il Crotone è la squadra peggiore e per me retrocede, per la salvezza noi dobbiamo lottare contro Parma Spezia e Benevento se cala… Leggi il resto »

davidone5
davidone5 (@davidone5)
9 mesi fa

Le distanze si allungano perchè non riusciamo a vincere ed a convicere.

davidone5
davidone5 (@davidone5)
9 mesi fa
Reply to  davidone5

convincere

“Belotti? L’arbitro gli deve un caffè”

Nicola, segnale a Nkoulou: gioca nonostante il contratto in scadenza