Gli addii di Comi e Bava favoriscono Davide Vagnati: ampi poteri e maggiori margini di manovra per operare al Torino

Una rivoluzione a livello dirigenziale quella che sta attraversando il Torino di Cairo. E chi ne trarrà i maggiori benefici? Davide Vagnati. Subentrato a Petrachi, il direttore dell’area tecnica ha commesso qualche errore che sembrava potesse costare caro. In sede di mercato ma anche nelle scelte in Primavera: qualche mese dopo, però, il destino del dt sembra essere cambiato. Vagnati ne è uscito non solo indenne ma addirittura rafforzato. Ampi poteri – ora che non c’è il direttore generale e che a capo del vivaio potrà insediarsi un suo uomo di fiducia – e possibilità di agire in grande autonomia.

Toro, la società si snellisce con gli addii di Comi e Bava

Negli ultimi giorni ha preso il via uno snellimento della società. Salutato Massimo Bava, si attende ora l’arrivo di Ruggero Ludergnani, che deve rescindere con la Spal. Anche Antonio Comi,, in questo caso al contrario di Bava non è un addio che era nell’aria, non sarà più il direttore generale del Toro ma il suo posto resterà ancora vacante: di certo non arriverà nessuna figura esterna, al massimo potrebbe esserci qualche movimento interno. Cosa che, lo ribadiamo, permetterà a Vagnati di non avere nessuno a fargli ombra.

Toro, Vagnati graziato nonostante gli errori

Contro ogni pronostico, la posizione del’ex ds spallino sembra essere ora tutto tranne che traballante. Se fino a qualche mese fa si parlava di addio o di un ridimensionamento assicurato, Vagnati ha ottenuto l’effetto contrario. Graziato dal mercato incompleto effettuato sotto le direttive di Giampaolo e dalla scelta pagata cara di affidare la Primavera a Cottafava, la sua esperienza al Toro è ben lontano dall’essere finita. Al contrario, sembra l’inizio di una vera scalata.

Davide Vagnati
Davide Vagnati
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 03-07-2021


76 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ultimagioia76
ultimagioia76
11 mesi fa

Sono entrato in questo forum con la speranza di chiacchierare di calcio, soprattutto del Toro, ma mi trovo ad assistere ad una serie di lotte “intestine” (in senso molto stretto…) che nulla hanno a che vedere con lo sport. A parte i contenuti mediamente puerili e il quasi costante turpiloquio,… Leggi il resto »

3min40sec
3min40sec
1 anno fa

Ci vorrebbe un’altra marcia dei 50mila, che se raggiungesse i 20mila sarebbe già un mezzo successo.
Ma sono convinto che se anche si facesse, cosa impensabile ad oggi, molto “osservatori di cantieri” troverebbero modo di criticarla e di non partecipare. Perché “sarà mica questo il modo di lavorare? “

michelebrillada
michelebrillada
1 anno fa
Reply to  3min40sec

sono pienamente d’accordo

WGranata76
WGranata76
1 anno fa
Reply to  3min40sec

Sarebbe ottima da organizzare, unica rogna è il covid che pretende diverse misure di sicurezza e più difficoltà nel creare un evento simile, ma ora che si sono allentate le maglie anti pandemia una speranza ci sarebbe. Intanto che si organizza bisogna continuare anche con le piccole cose ed evitare… Leggi il resto »

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
1 anno fa
Reply to  3min40sec

La mia idea è fattibile Quanti sono i Toro club recensiti in Italia? Arrivano a 30? Non lo so, onestamente. Ma potrebbero partire con questo tipo di manifestazione, poco costosa ma credo potente. COORDINATA E CONTINUATIVA Parte il primo club: manifestazione IN LOCO, nessuna spesa di viaggio. Sit-in : Si… Leggi il resto »

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
1 anno fa

Zerotreini (duane, fava cagnolin pedric) avanti negli insultini asileschi, ma di organizzare qualcosa di concreto per far cadere cairo non se ne parla. Tanta tastiera e niente contestazioni reali

continuano a rappresentarsi perfettamente (sena nulla dover aggiungere)

Ribaltone in dirigenza: ora si attende la promozione di Moretti

Robaldo, l’ultimo regalo di Bava al Toro: dal Comune arriva l’ok ai lavori