Il Torino, che ha già fermato l’Inter, può essere determinante nella corsa scudetto delle altre due pretendenti: Milan e Napoli

E’ un campionato apertissimo quello di quest’anno, con tre squadre in lotta per lo scudetto. Conti in tasca non se ne fanno ancora e i pronostici sul possibile vincitore del titolo restano più aperti che mai. Milan, Napoli e Inter sono separate da pochi punti e, per poter prevalere nel rush finale, due di loro dovranno passare proprio Torino. L’Inter non è riuscita andare oltre l’1-1 tra le polemiche per il clamoroso rigore non assegnato ai granata, ora toccherà al Milan affronterà la squadra di Juric e alla 36a giornata sarà la volta del Napoli.

Toro, motivazione da cercare nelle sfide con le Big

La squadra granata sarà quindi l’ago della bilancia nella corsa allo scudetto: con il vantaggio di giocare con la testa libera, senza particolari obiettivi da raggiungere sul fronte classifica, il Torino ha la possibilità di fare a male a squadre più blasonate come appunto Milan e Napoli, dopo aver fermato Juve e Inter con due pareggi. A questo punto della stagione, un punto potrebbe davvero fare la differenza e non si lasceranno perciò rallentare tanto facilmente.

Contro il Torino tanti punti pesanti

Sulla carta, il finale di stagione che attende il Torino è tutt’altro che semplice: oltre a Milan e Napoli i granata devono ancora affrontare Roma, Lazio e Atalanta, le squadre che occupano le posizioni dalla quarta alla settima. La squadra di Juric è poi chiamata ad affrontare il Verona in trasferta (i gialloblù in classifica sono davanti ai granata), oltre che Spezia e Empoli: negli scontri contro il Torino sono in ballo diversi punti che possono valere lo scudetto o comunque un piazzamento europeo.

Sasa Lukic e Tommaso Pobega contro Matias Vecino in Torino-Inter
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 05-04-2022


13 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
guidone
guidone
1 mese fa

che emozione!!!essere arbitri dello scudetto!!! penso che qui sia necessario un altro carosello stasera per le strade,dopo questa notizia…

Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
1 mese fa
Reply to  guidone

Caro Guido, tu scherzi ma io penso seriamente che qualche 2.0 stia già bardando l’auto con bandiera e gagliardetto !
Non mi stupirebbe il leggere e festeggiare una salvezza anticipata.
Le radici del male hanno attecchito…… in
3 lustri sottocute .

guidone
guidone
1 mese fa

non lo so ragazzi,non vorrei apparire come uno che si lamenta sempre,ma dopo 17 anni,comincio ad essere stufo,ma tanto,della gestione della società da parte dell’infame,una malsopportazione che va al di là di qualche partita giocata un pò meglio…

Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
1 mese fa
Reply to  guidone

Sei in buona compagnia Guido, fatti un giro in uno dei 54 Toro Club sparsi per lo stivale, ne troverai migliaia come te.
E me.

guidone
guidone
1 mese fa

bene Alberto,questo mi consola.

ardi06
ardi06
1 mese fa
Reply to  guidone

Davvero, è quasi come essere in corsa per vincerlo

suoladicane
suoladicane
1 mese fa

direi max 10 punti, sempre che tutti abbiano voglia di andare in campo; e qui valuteremo meglio il lavoro del mister, chiamato a motivare i giocatori ed a provare i giovani (e magari anche qualche soluzione tattica diversa dalle solite)

Cup
Cup
1 mese fa

Visto il calendario, se non facciamo qualche pareggio con le grandi, non raccogliamo più un punto…

thethaiman
thethaiman
1 mese fa
Reply to  Cup

Quindi Verona Empoli e Spezia 0 punti?

Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
1 mese fa
Reply to  thethaiman

Lo troveresti così strano ?

thethaiman
thethaiman
1 mese fa

Si, ne abbiam fatto 2 con gobbi e Inter quindi?

Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
Alberto Fava ( Gigi Marengo for President ).
1 mese fa
Reply to  thethaiman

Meno male .
0 con Venezia
0 con Udinese
0 con Cagliari.
Direi bene, quindi?

Ricci, Juric traccia la strada: “Sapeva di dover crescere quando è arrivato”

Pobega, c’è il Milan: sfida al passato e (forse) al futuro