Longo a fine partita: “Non avevamo le energie per andare a prendere la Lazio più in alto”. Il suo Toro dà segnali di stanchezza

Minuto 70 di Torino-Lazio, il parziale è di 1-1 e, dopo una chiusura difensiva, Ola Aina chiede ad ampi gesti alla panchina il cambio: è stravolto il terzino nigeriano, dopo aver fino a quel momento limitato al massimo un avversario pericoloso e rapido come Manuel Lazzari. Questa è probabilmente una delle immagini simbolo della partita contro i biancocelesti, un’immagine che in parte spiega anche la prestazione conservativa della squadra di Moreno Longo: il suo Toro è stanco, a corto di fiato, non ha la forza di portare un pressing alto sugli avversari e di ripartire in velocità.

Torino: squadra lunga nelle ripartenze

“Sentivo dire che bisognava andare a prendere la Lazio più in alto ma innanzitutto bisogna avere le energie per andare a prendere la Lazio più in alto, noi non le avevamo” ha spiegato Longo a fine partita, parlando dell’atteggiamento difensivista avuto dalla sua squadra. La mancanza di energie del Torino, oltre che nel già citato episodio con protagonista Aina, la si è potuta chiaramente vedere in occasione di alcuni tentativi di ripartenza, con la squadra che si è allungata e disunita, gli attaccanti che si sono ritrovati senza il supporto dei centrocampisti ad affrontare la difesa avversaria.

Toro: il problema della rosa corta

Il problema del fiato corto del Torino è dovuto al fatto che in queste prima quattro partite ravvicinate Longo è stato costretto a schierare quasi sempre gli stessi giocatori per mancanza di alternative: oltre a Sirigu, Nkoulou, Bremer, De Silvestri, Meité, Rincon e Belotti hanno praticamente sempre giocato. D’altronde con Baselli che rientrerà solamente tra la fine di questo 2020 e l’inizio del 2021, con Verdi, Ansaldi, Lukic, Millico e ora anche Zaza che hanno avuto qualche problema fisico e devono ancora trovare la migliore condizione non poteva fare scelte differenti il tecnico granata. Il Torino sta ora pagando le scelte fatte a gennaio sul mercato, quando la rosa è stata colpevolmente snellita con le cessioni di Bonifazi, Parigini, Laxalt e Falque: giocatori, in particolare gli ultimi due della lista, che ora avrebbe fatto davvero molto comodo a Longo.

Lorenzo De Silvestri e Joni in Torino-Lazio 1-2, serie A 2019/2020
Lorenzo De Silvestri e Joni in Torino-Lazio 1-2, serie A 2019/2020
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 01-07-2020


13 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Vegeta
Vegeta(@vegeta)
1 anno fa

Ad eccezione delle squadre che fanno le coppe; tutti hanno la rosa corta per giocare ogni 3 gg semplicemente perché nessuno aveva pianificato che questo potesse succedere. La Lazio ieri sera aveva i giocatori limitati e nel weekend incontra il Milan con il solo Correa come attaccante. Il problema è… Leggi il resto »

Casao92
Casao92(@casao92)
1 anno fa
Reply to  Vegeta

L’anno scorso la Lazio ha vinto la coppa Italia .la Lazio ha 5 esterni difensivi, 6-7 centrocampisti.

Casao92
Casao92(@casao92)
1 anno fa
Reply to  Casao92

Sa noi mancano :Moretti e falque. Invece di giocare 532 o 5311,ora giochiamo 523 e spesso siamo in inferiorità numerica a centrocampo. Ma seil 532 o 5311 funzionava in fase difensiva, ma segnava o poco. Non era meglio prendere 1 centrocampista tecnico ed un trequartista /2a punta?

Casao92
Casao92(@casao92)
1 anno fa
Reply to  Casao92

E giocare 532 o 5311?

radice10
radice10(@radice10)
1 anno fa

Si rimpiange il mercato di Gennaio? certo che si, così come quello di Settembre. sig Piva , lasci perdere i 4 nomi venduti o prestati, erano giocatori che per svariati motivi non hanno dato nessun contributo alla nostra causa. Sono un ammiratore innamorato per le qualità tecniche di Iago Falque,… Leggi il resto »

rotor
rotor(@rotor)
1 anno fa

Basta con il niente Verdi,deve giocare Millico dall’inizio e non i soliti 10 minuti finali, Comunque vada penso che Moreno non verra’ cofermato,anche se gli voglio bene in quanto vero cuore granata,forse gli

“Cairo vattene”, il secondo Flash Mob granata nella giornata del derby

Al Fila confronto tra Longo e la squadra: così non va, il Toro deve svoltare