I neroverdi hanno patito tanti infortuni: Di Francesco spera di recuperare a breve Berardi e Politano per tornare pericolosi come nella passata stagione

La stagione passata del Sassuolo si era conclusa con una storica qualificazione in Europa League. Questo campionato doveva essere quello della conferma, invece i neroverdi si trovano al sedicesimo posto in classifica, con 17 punti, e già fuori dall’Europa League. Molti allenatori non amano cercare alibi, ma, finora, quella degli uomini di Di Francesco è stata una stagione davvero travagliata.

Per quasi tutto il girone di andata hanno dovuto fare a meno dell’uomo copertina, Berardi, afflitto da problemi muscolari. L’assenza di Berardi è stata un trampolino di lancio per Matteo Politano, ma, nel momento di maggiore forma, anche lui si è fermato per infortunio. Come loro anche Duncan, Magnanelli, Cannavaro, Missiroli, Biondini, e altri nel corso della stagione. Contro il Torino potrebbe tornare Politano tra i convocati, ma mancherà lo squalificato Pellegrini, centrocampista molto promettente.

Tutti questi infortuni hanno rafforzato la leadership di Francesco Acerbi, difensore granitico con grande fiuto del gol, diventato, ormai, uno dei più affidabili e continui della Serie A. Senza di lui, il Sassuolo avrebbe patito ancor di più questa prima metà di stagione. Le assenze hanno lanciato tanti volti nuovi, come Ricci, Sensi, Ragusa e Mazzitelli. Tutti giocatori interessanti, ma che, nei piani di Di Francesco, avrebbero dovuto avere la possibilità di crescere con maggiore calma all’ombra dei titolari.

Tra i tanti giovani e esordienti, il Sassuolo si è affidato alle qualità collaudate di Gregoire Defrel, l’unico “sopravvissuto” dagli infortuni. Il francese ha realizzato sei reti ed è spesso entrato nei gol dei compagni, ma non è un grande finalizzatore. Non è riuscito, da solo, a sopperire alle assenze dei suoi compagni di reparto.  Il francese è a secco da quattro partite: l’ultima rete è stata nel pareggio del San Paolo contro il Napoli.

Nonostante le tante assenze, quella di Di Francesco rimane una squadra ben organizzata e spesso imprevedibile e che ora può contare a centrocampo sulle geometrie di Alberto Aquilani, il cui acquisto è stato appena ufficializzato. Vietato abbassare la guardia: per uscire vittoriosi dal Mapei Stadium ci vorrà un grande Toro.

 

 


3 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
tabela
tabela(@tabela)
5 anni fa

3 punti e basta, loro sono alla canna del gas . Anche un pareggio sarebbe un’ occasione gettata al vento.
Sgrat sgrat……….

rotor
rotor(@rotor)
5 anni fa

Biondini e’ rotto,nonostante l’acquisto di Aquilani hanno difficolta’ a mettere 3 centrocampisti sani in campo,mettiamo il turbo e asfaltiamoli!

Zappology
Zappology(@zappology)
5 anni fa

Credo che l’aspetto più interessante del Sassuolo sia il fatto che giochi con Ginger Baker a centrocampo (Biondini. Ahò, so identici)! Dovrebbe rientrare Berardi, almeno in panchina. So che non ce la portiamo da casa, ma proverei a dargli un bel colpo di grazia, con cattiveria. Perché sono davvero alla… Leggi il resto »

Allenamento pomeridiano, assente Gustafson per influenza

Besiktas forte su Vida, ma la Dinamo ora abbassa le pretese