Zaza dopo 2 mesi da indisponibile è tornato ad allenarsi con i compagni prima del Napoli e contro il Milan è sceso in campo

L’inizio di stagione di Simone Zaza non è stato sicuramente tra i più semplici. L’attaccante lucano è sceso per la prima volta in campo in questo campionato a San Siro, la Scala del calcio, nel match contro il Milan. Il numero 11 granata era tornato a disposizione per il match contro il Napoli dove però non ha trovato spazio e dopo aver assistito dalla panchina anche la partita tra i granata e il Genoa Ivan Juric lo ha fatto scendere in campo contro la squadra guidata da Stefano Pioli, facendolo entrare all’ 85’ minuto al posto di un deludente Ola Aina, nel tentativo da parte del tecnico croato di provare ad agguantare il pareggio, però senza riuscirci. Ora nel mirino del Toro c’è la sfida casalinga contro la Sampdoria e Zaza contro i blucerchiati cercherà di aumentare il suo minutaggio in campo.

Zaza deve scalare le gerarchie

Per Zaza completamente recuperato ora non sarà semplice trovare spazio in campo perché dovrà sgomitare con Belotti e Sanabria. Il numero 9 granata è tornato anche lui da un infortunio e fin qui ha deluso molto, soprattutto contro il Milan, ma conta di tornare ad essere il trascinatore del Toro. Sanabria invece, con le assenze di Zaza e Belotti, ha dovuto fare gli straordinari e ha sempre portato a casa buone prestazioni, riuscendo anche a segnare 2 reti. La prima contro la Salernitana e l’altra contro il Genoa. Zaza è avvisato. Per scendere in campo dovrà convincere Juric in allenamento, mettendo in mostra le sue qualità e dimostrando tanta grinta.

Zaza: l’infortunio in allenamento e il lungo recupero

Il numero 11 granata vuole ripartire, perché la sua stagione dell’anno scorso ha avuto diversi alti e bassi. Inoltre dopo l’infortunio vuole dimostrare di poter essere una pedina importante nello scacchiere di Juric. Zaza si era fatto male a metà agosto in allenamento, dopo un contrasto con Ben Kone. Per l’attaccante ex Sassuolo all’inizio sembrava solo un trauma contusivo ma dopo essersi sottoposto agli esami strumentali è emerso che si trattava di un interessamento distrattivo parziale del legamento collaterale mediale del ginocchio sinistro. Così c’è stato un lunghissimo periodo di recupero che ha coinciso anche con altri diversi infortunati in casa Toro, tra cui Belotti. In pratica l’infermeria granata che si riempiva e non si svuotava, scatenando la rabbia di Juric.

Simone Zaza
Simone Zaza
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 28-10-2021


18 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
thethaiman
thethaiman
29 giorni fa

Una palla spiovente sul lato dx dell’area del Milan, senza avversari potrebbe controllarla e casomai andare sul fondo e crossare ed invece che fa? Da una sperlonga alla palla che, essa stessa, manco sa dove andare. Pochi minuti dopo gli arriva un rinvio a centrocampo, completamente smarcato, dovrebbe stopparla girarsi… Leggi il resto »

toro e basta
toro e basta
29 giorni fa

Ma chi se lo prende?
L’anno scorso aveva fatto meglio Bonazzoli di lui, ed è tutto dire

madde71
madde71
29 giorni fa
Reply to  toro e basta

Chiedo alla mamma cosa pensa

Mavaffancairo
Mavaffancairo
29 giorni fa

di questo inutile clown non vorrei per favore più sentir parlare fino a quando non sarà sbarcato in Kirghizistan (unico mercato dove forse potrebbe avere qualche estimatore), idem per Simone Verdi ed ancor più per chi, nel segno della più assoluta incompetenza, idiozia e menefreghismo per i nostri valori, ha… Leggi il resto »

madde71
madde71
29 giorni fa
Reply to  Mavaffancairo

Il gaga zaza è frutto di un favore fatto ad amici importanti,non si può dire di no,vive da re nel b&b dell’fc

Buongiorno, due di fila da titolare, Juric lo stima: “Puntiamo su di lui”

Torino, la rincorsa di Zima: Djidji in crescita ma il ceco vuole sorprendere