Dopo il gol e la super prestazione contro il Napoli, ancora una volta Vlasic si è perso a Genova, lasciando il Toro senza fantasia

Ancora una volta, il Toro si è fermato sul più bello. Dopo la super vittoria contro il Napoli, c’erano tutti i presupposti per far bene anche a Genova e avanzare ancor di più in classifica, ma i granata non sono andati oltre il pareggio contro il Grifone di Gilardino. Al di là del punto, che in un campo dove si sono fermate anche Inter e Juventus può anche andar bene, a far preoccupare Juric e i tifosi è la prestazione della squadra, mai stata pericolosa: tutto l’opposto di quello che si è visto appena 6 giorni prima contro i campioni d’Italia. E molto di questo downgrade si deve ai 61 minuti in cui Vlasic è stato in campo. Il croato, infatti, nella buona e nella cattiva sorte è l’uomo che determina il livello del Torino, e tende tanto a far esaltare i compagni quando è in giornata quanto a essere un problema quando non lo è.

Serve continuità

Se con il Napoli l’ex West Ham è stato tra i migliori in campo al di là del gol, a Genova si è vista una delle peggiori versioni di lui. Ammonito nei primi minuti di gara, il numero 16 non è mai riuscito a entrare in partita, facendo oscurare l’intera squadra. Essendo il giocatore più fantasioso della squadra, è lui il vero regista più di Ilic o Ricci, e quando spento la sua mancanza si sente eccome. In vista del rush finale di stagione, come ripetuto più e più volte, l’obiettivo di Juric deve essere quello di renderlo un giocatore capace di essere decisivo in tutte (o quasi) le partite. Con il vero Vlasic il Toro può permettersi davvero di sognare in grande.

Nikola Vlasic
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 16-01-2024


3 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
odix77
1 mese fa

abbiamo zero alternative a vlasic a meno che non si voglia reintegrare radojic e provare a farlo giocare a tutto campo….o adattare ilic in quel ruolo.

Roland
1 mese fa

Comunque, visto dal vivo è un giocatore forte, rognoso, da Toro. Non molla mai, è in continuo pressing sugli avversari, a destra e a sinistra. A scapito, a volte, di una certa lucidità. Ma quando esce si vede e si sente. È uno di quei giocatori che un allenatore vorrebbe… Leggi il resto »

suoladicane
suoladicane
1 mese fa

che tesi assurda, come gira la squadra dipende da Vlasic non mi ero accorto fosse sto fuoriclasse………reda non è necessario scrivere ca.ga.te. per forza.

Torino, tre giorni liberi: mercoledì la ripresa degli allenamenti

Zima e Sazonov: con una difesa così, trovare spazio diventa complicato