Voglia, grinta, gol: è un altro Zaza

di Giulia Abbate - 26 Luglio 2019

Simone Zaza coglie l’esortazione di Baselli a segnare anche in campionato ed Europa e all’esordio segna il gol del 3-0 al Moccagatta

Appena dieci giorni fa Zaza si metteva in mostra in campo contro il Merano segnando 6 reti. Una prestazione che gli è valsa, insieme al rendimento complessivo tenuto durante tutto il ritiro, non solo gli applausi dagli spalti del campo di Bormio ma anche la fiducia di Mazzarri. E dalla Valtellina ad Alessandria è un attimo: entrato nella seconda metà della ripresa di Torino-Debrecen, l’ex Sassuolo chiarisce a tutti che il giocatore visto lo scorso anno sembra essersene andato per lasciare posto al vero Simone Zaza. Chiamato in causa, ci mette appena un minuto per sfiorare il gol: palla fuori di poco. Torna davanti alla porta ospite e il copione si ripete. Sembra il fantasma delle partite viste la scorsa stagione: tanto fumo ma poco, pochissimo, arrosto e invece no. Il terzo tentativo è quello buono e Zaza insacca il pallone del definitivo 3-0. Un gol che mette il Toro nella condizione di affrontare più serenamente la sfida di ritorno ma soprattutto un gol con cui, simone Zaza, si scrolla di dosso le tantissime critiche ricevute. La risposta perfetta anche alle richieste di Daniele Baselli.

La risposta a Baselli: arriva il primo gol in Europa

Che il gruppo sia saldo e coeso è evidente tanto in campo, e la vittoria di ieri ne è la chiara dimostrazione, quanto fuori dove i giocatori non si risparmiano battute e frecciatine. Come quella piovuta sulla testa di Zaza proprio a margine della vittoria contro il Merano. L’autore? Daniele Baselli che commentava così la prestazione del compagno: “E’ stato bravo ma è meglio che i gol li tenga per l’Europa e per il campionato“.

Detto fatto: Simone Zaza non si è lasciato scappare l’occasione e alla prima partita utile ha messo subito in chiaro le cose. Pronti via e arriva anche il primo gol in Europa. E non un gol qualunque: una rete che regala ai granata un margine di vantaggio ancora più ampio in vista della partita di ritorno. Un salvagente, per così dire, che fa fare a Belotti e compagni un passetto in più verso il passaggio del turno.

E che, soprattutto, permette a Zaza di presentarsi davanti ai tifosi, da sempre molto critici verso l’attaccante, in una nuova veste: quella che potrebbe regalargli la stagione del riscatto. Daniele Baselli ha punto sul vivo, dunque, anche se scherzosamente. E il numero 11 granata ha risposto alla perfezione: “Sì so segnare anche in Europa”. Ora il Toro aspetta conferme, anche in campionato.

più nuovi più vecchi
Notificami
leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
Utente
leonardo (Cairo,le scuse sono finite)

Volare basso….qualche segnale positivo c’è.. poi becca la solita ammonizione da cogl..e ti fai delle domande…presto,troppo presto x dire se.

TorinoGranata (ex GD) contento ma non accontentista!
Utente
TorinoGranata (ex GD) contento ma non accontentista!

l’ammonizione stupida ce lo restituisce come è sempe stato. poi non male. ma contro avversari poco probanti e soipratttutto giocando in un contesto perfetto. 2-0, incompleto dominio, contro piu scarsi. diciamo che attendiamo prove piu importanti.

Rob 62
Utente
Rob 62

Sempre stato contrario alla cessione di Zaza anche perché poi devi comprare un centravanti di riserva.
Penso che in assenza di acquisti Zaza potrebbe fare coppia con Belotti.
Con squadre di un certo livello il tridente con 2 in mezzo a centrocampo non lo vedo strutturato secondo i dogmi Mazzarriani.

RiminiGranata
Utente
RiminiGranata

Zaza ha fatto veramente male quest’anno, quindi pensare che possa fare meglio è facile.. Visto i soldi spesi, e soprattutto le cifre che ti chiedono per altri, che ci piaccia o no, non ha senso oggi vendere Zaza per prendere magari Caprari o Petagna a debito. Purtroppo sparano fuori dal… Leggi il resto »