Zaza o Verdi: i dubbi di Mazzarri in vista del Brescia - Toro.it

Zaza o Verdi: i dubbi di Mazzarri in vista del Brescia

di Francesco Vittonetto - 7 Novembre 2019

Ballottaggio in attacco per Brescia-Torino: senza Falque, Mazzarri restringe il campo. Zaza o Verdi per affiancare Belotti. Tridente più lontano

Un Simone, tra due, per il posto al fianco di Andrea Belotti nell’attacco che sfiderà il Brescia nell’anticipo di sabato 9 novembre. Zaza o Verdi: è questo il dubbio su cui si sta arrovellando Walter Mazzarri in questi giorni di lavoro al Filadelfia. Il Torino sta preparando una sfida che ha i tratti della finale: non solo perché sarà l’ultima prima della sosta, ma soprattutto perché arriva dopo che i granata hanno collezionato un punto nelle ultime quattro, di fatto costringendo WM ad un aut aut ben poco invidiabile. In caso di nuova sconfitta, infatti, le riflessioni di Cairo sul suo tecnico ricomincerebbero più intense. Per tutto questo, ogni mossa andrà ragionata ancor più a fondo del solito.

Zaza o Verdi: il ballottaggio per Brescia-Torino

Sopratutto quelle legate ad un attacco che nelle suddette quattro partite ha messo a segno appena un gol, quello di Zaza contro il Cagliari, che non rappresenta però un automatico pass per la titolarità al “Rigamonti”. Non foss’altro perché, contro la Lazio e nei pochi minuti del derby, il lucano non ha inciso. Al pari di Verdi, che nella stracittadina ha messo in fila 80 minuti con pochissimi spunti.

L’infortunio di Falque e il modulo di Mazzarri

Un ballottaggio che, dunque, potrebbe essere occasione di rilancio per chi lo vincerà. E che si restringe a questi due nomi dopo il secondo infortunio grave che sta segnando la stagione di Iago Falque. Lo spagnolo è alle prese con un problema muscolare che potrebbe costringerlo ad un lungo stop, e allora Mazzarri là davanti deve fare i conti con un’alternativa in meno.

Anche per questo l’ipotesi del tridente sembra più lontana. Almeno per il Brescia, gara per la quale il tecnico potrebbe confermare il 3-5-2 (che poi è un 3-4-1-2) visto sia a Roma che al “Grande Torino” contro i bianconeri. Con un dubbio, appunto: chi mettere accanto a Belotti. Scelta non semplice, per un Toro che non segna ma deve svoltare.

più nuovi più vecchi
Notificami
AB9
Utente
AB9

Sarebbero da cedere entrambi, mettendo in preventivo di perdere una decina di milioni…poi con il ricavato si acquistano “finalmente” 2 centrocampisti VERI

TO Granata (ex GD)
Utente
TO Granata (ex GD)

40 milioni in 2! E c’è chi scrive ancora che cairo è braccino! non so chi tra cairo o mazzarri (o entrambi) sia il maggiore responsabile, ma qui parliam più di errore infinito, assurdo! e l’anno prima niang! 3 acquisti onerosissimi e sbagliati 3 casi fanno la regola. urge cambiare… Leggi il resto »

mas63simo
Utente
mas63simo

Troppo inesperto da noi ci vorrebbe un ds di un certo livello perché non abbiamo una struttura societaria.

Rob 62
Utente
Rob 62

Dopo 15 anni siamo al cambio strategia….
La politica dei piccoli passi.
Bravo GD.

TO Granata (ex GD)
Utente
TO Granata (ex GD)

la penso diversamente da te.
primi anni cairo, cattiva strategia, con acquisto vecchi famosi e da rottamare
anni di petrachi e ventura. ottima strategia, conpochi mezzi siamo passati da metà classifica inB a Bilbao
con miha male
con mazzarri bene lo scorso anno. male ora

TO Granata (ex GD)
Utente
TO Granata (ex GD)

spiace doverlo scrivere, essendo entrambi giocatori del Toro, ma a me viene in mente la frase: “chi dei 2 potrebbe fare meno danni?”