Belotti rinnova e Cairo traccia la strategia: il Toro non si smantella

di Francesco Vittonetto - 8 Maggio 2019

Il contratto di Belotti si allunga fino al 2022, lo dice il bilancio del Torino. Cairo nei giorni scorsi ha ribadito: “Mercato? E’ importante la continuità”

Consolidare senza smantellare, è la ricetta di Urbano Cairo per il futuro del suo Torino. Anche (e soprattutto) in caso di Europa, i granata ripartiranno dai propri pilastri. In primis da Andrea Belotti, che alle voci di mercato – gli occhi della Roma, su di lui, sono ben vigili – ha preferito un rinnovo silenzioso. Sì perché il Gallo, che nel dicembre 2016 aveva siglato un contratto fino al 2021 corredato dai 100 milioni di clausola rescissoria validi solo per l’estero, ha prolungato per un anno ancora la sua promessa di matrimonio con il Toro. Lo si legge chiaro e tondo nel progetto di bilancio al dicembre 2018 presentato dal C.d.A. all’Assemblea dei Soci. Una riga sottile, in fondo al documento: “Andrea Belotti; data scadenza ultimo contratto: 30 giugno 2022.

Belotti, il rinnovo con il Torino fino al 2022

Nessun annuncio ufficiale, per il rinnovo del Gallo. E a tal proposito il presidente Cairo ha nicchiato: “Non ricordo perché l’abbiamo tenuto nascosto, ma conta che si sia fatto, le sue parole rilasciate a Tuttosport. Un velo di mistero che non cancella però i fatti: la stagione in più c’è, nel nuovo accordo tra il Toro e l’attaccante di Calcinate firmato almeno un anno fa (se ne trovava traccia già nel bilancio del 2017) ma salito agli onori delle cronache negli ultimi giorni. E con ogni probabilità c’è anche la clausola a tre cifre, che nella precedente sottoscrizione era attiva per l’intera durata del contratto.

Insomma, Belotti è blindato. Con o senza Europa. Perché gli errori del passato sono stati compresi, dal patron di via Arcivescovado: “Non dovrà accadere quello che è successo nel 2014. Dopo aver raggiunto l’Europa andarono via Cerci e Immobile. Ora sarebbe un peccato smantellare la squadra”, dichiarava a margine delle commemorazioni per i 70 anni della tragedia di Superga.

Il modello Grande Torino per Cairo: si parte da Belotti

Le colonne non si toccano, proprio sul modello di pianificazione rappresentato dal Grande Torino di Ferruccio Novo. Pochi innesti ma di livello, un’ossatura solida e costante: per Cairo è questa la chiave del successo. E sebbene ancora permanga l’incognita direttore sportivo per la prossima stagione (con Petrachi corteggiato dalla Roma), il capitano è una piccola grande certezza: con un anno in più sul contratto e tanta voglia di continuare sotto la Mole. Se poi Europa sarà, meglio per tutti.

più nuovi più vecchi
Notificami
Giankjc (La tragedia non è morire, ma dimenticare.)
Utente
Giankjc (La tragedia non è morire, ma dimenticare.)

Rimarranno tutti, pure cairo.

Troposfera Granata
Utente
Troposfera Granata

Il che a mio parere è un bene.

Giankjc (La tragedia non è morire, ma dimenticare.)
Utente
Giankjc (La tragedia non è morire, ma dimenticare.)

Anche la colite?

Troposfera Granata
Utente
Troposfera Granata

Bene così. Belotti prolungato fino a giugno 2022. Sirigu ha già scadenza al 2022. N’koulou dovrebbe aver rinnovato nel 2018 fino al 2023. Izzo aveva firmato un quadriennale, cioé fino al 2022. Spero che siano contenti di rimanere, ora che c’è un allenatore che sa motivarli e porre degli obiettivi… Leggi il resto »

ColorG
Utente
ColorG

Buongiorno TG. Hai aggiunto una cosa giustissima che io ho colpevolmente dimenticato: posta la volontà della Società, sappiamo che nel mercato del calcio i contratti hanno un valore effimero. Come giustamente detto da te, l’unica certezza che ti permettono è quanto meno di monetizzare in caso di cessione. Ma se… Leggi il resto »

Giankjc (La tragedia non è morire, ma dimenticare.)
Utente
Giankjc (La tragedia non è morire, ma dimenticare.)

Ancora con sta cażżata di Ljajic che ha puntato i piedi?
Interminabile.

ColorG
Utente
ColorG

Sa quante volte ho letto su questo sito, che Lljajic è stato scacciato da Mazzarri, piuttosto che ceduto per monetizzare da Cairo, o altre ipotesi più o meno fantasiose, ma comunque diverse dal mio pensiero? Mai però mi sono permesso un commento antidemocratico come il suo. Scriva le sue, tollerando… Leggi il resto »

Giankjc (La tragedia non è morire, ma dimenticare.)
Utente
Giankjc (La tragedia non è morire, ma dimenticare.)

Una cażżata è antidemocratica di suo.

Casao92
Utente
Casao92

Basta che al loro posto arrivano altri giocatori.

ColorG
Utente
ColorG

Operazione rinnovi e conferme partita! Cairo, per primo, ha battuto un colpo, in un’intervista, nella quale ha espresso l’intenzione e la volontà di tenere i migliori, e su quest’ossatura, inserire un paio di elementi di qualità ogni anno. Il modello, ha detto, è il Grande Torino. Da intendersi come stimolo,… Leggi il resto »