Berenguer confermato da Cairo: “Con la Spal ha illuminato”. L’esterno studia da terzino

98
Berenguer Torino
CAMPO, 18.2.18, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, Serie A, TORINO-JUVENTUS, nella foto: Alejandro Berenguer, Urbano Cairo

La svolta tattica di Berenguer: da esterno offensivo, a terzino nel centrocampo a cinque. Così Mazzarri può valorizzare lo spagnolo, che Cairo ha elogiato: “Non parlo mai dei singoli, ma merita una menzione”

Alejandro Berenguer ci ha forse messo un campionato intero per emergere davvero. Ma la speranza è che il Torino, ora, abbia trovato in casa un giocatore da rivalutare e nuovamente considerare per il prossimo anno. Da curiosa promessa dello scorso calciomercato estivo, a progressivo flop del campionato, non è stata certamente una stagione facile per lo spagnolo arrivato a sorpresa nello scorso luglio, con la squadra allora allenata da Mihajlovic già a Bormio. Un giocatore che avrebbe dovuto completare il reparto offensivo, ma che, invece, si è a larghi tratti dimostrato poco pronto per la Serie A, e poco incisivo nel complesso. Fino a domenica scorsa. Fino a una svolta tattica che, ora, potrebbe vederlo ricollocato grazie al lavoro settimanale portato avanti da Mazzarri.

Torino, Berenguer: statistiche da rivedere con un solo gol e tre assist

In effetti, la stagione di Berenguer non mostra particolari aspetti positivi. Una rete segnata (nella felice trasferta in casa della Lazio, vittoria per 3-1), e tre assist: sono queste le statistiche dell’esterno spagnolo, che è sembrato a tratti un oggetto misterioso più che un valore aggiunto. Eppure, la perseveranza, e la costanza, sono una dote. E dopo tanto lavoro, qualcosa è cambiato: già in Spagna, il giocatore originario di Pamplona aveva ricoperto il ruolo che Mazzarri gli ha affidato contro la Spal, ma mai era stato così determinante. Non domenica: entrato in campo al posto di Ansaldi, Berenguer ha macinato gioco, kilometri, e soprattutto ha realizzato un ottimo assist per la rete di Belotti, del pareggio. Un cambio di passo notevole, che lascia ben sperare per il futuro.

Torino, Cairo su Berenguer: “Non parlo mai dei singoli, ma ha illuminato”

Il futuro di Berenguer è dunque a Torino? La conferma sembra arrivare direttamente dalla bocca di Urbano Cairo, che al termine di Torino-Spal ha infatti dichiarato: “Non parlo mai dei singoli, ma Berenguer ha davvero illuminato, oggi (domenica, ndr)”. Ecco che dunque una sua possibile permanenza, se prima era incerta, ora non è più da escludere. D’altra parte, il giocatore costituisce un investimento che il Torino ha effettuato la scorsa estate e che non vuole perdere. Non partirà tra i primi nelle gerarchie; ma nemmeno tra le cosiddette zavorre. Il futuro di Berenguer è cominciato con Torino-Spal e riprenderà la prossima estate. Con molte più speranze rispetto alle previsioni.

  Iscriviti  
più nuovi più vecchi
Notificami
mas63simo
Utente
mas63simo

Ah beh se il metro è confermare un giocatore solo perché ha giocato bene una mezza partita e per di più vs la Spal mi conferma che Cairo di calcio non capisce una cippa ! Ma quando imparerà a parlare di meno e fare più fatti ?

Giankjc (Gianky1969)
Utente
Giankjc (Gianky1969)

Concordo, Berlinguer sin dal dopo elezioni è sembrato un cavallo di razza.
Peccato che Sinisa ha sbagliato a votare.

Giankjc (Gianky1969)
Utente
Giankjc (Gianky1969)

Il Presidente è un bravo manager e un ottimo condottiero, ben ha fatto a dare retta ai desideri di Miha anche poi questo gli ha portato solo miserie (vedi Ljajic “lo svogliato”), molto bene farà ad accontentare Mazzarri quando gli chiederà pedine fondamentali per il suo gioco di un certo… Leggi il resto »

Vanni(CairoDentroNoTarpoAliMaIncasso)
Utente
Vanni(CairoDentroNoTarpoAliMaIncasso)

Non vedo l’ora che arrivi Maggio, nuova promessa che gioca nel lontano sud.
Certo che con Maggio, Lukic e Beringuer illuminato, il futuro è roseo.

Giankjc (Gianky1969)
Utente
Giankjc (Gianky1969)

Certamente si. Ho una fiducia alla mimmo x 2.