Il Torino si avvicina al suo primo obiettivo di calciomercato: sistemare la porta. Con Sirigu forte avvicinamento, ma ora deve arrivare il via libera

Ci siamo. Ci siamo? Il Torino vuole cominciare il prima possibile la sua sessione di calciomercato. E altrettanto presto terminarla. L’obiettivo della società granata è fare in modo che Sinisa Mihajlovic possa avere la squadra il più possibile costruita prima del ritiro in quel di Bormio, per permettergli di lavorare a quello che è il programma, europeo, che dovrà caratterizzare il cammino per tutta la prossima stagione. Il portiere, nell’ossatura di una squadra, è fondamentale. E per evitare un arrivo tardivo, come fu quello, strabiliante, di Hart lo scorso anno, ora si cambierà strategia: Salvatore Sirigu è il primo nella lista, ed è anche il giocatore, in assoluto, più vicino a vestire la maglia granata. Prima di tutti, prima di altri, necessari, rinforzi: l’estremo difensore del Paris Saint-Germain sta aspettando che le due società trovino il definitivo accordo, e poi potrà vedere realizzato di tornare in Italia.

Terminata l’esperienza in Francia, e conclusasi la breve parentesi spagnola (Siviglia e Osasuna), Sirigu vorrebbe tornare al di qua delle Alpi, con la speranza di giocare un campionato ad alto livello, per riconquistare la Nazionale. Il Toro, visti i numerosi impedimenti di natura economica incorsi per Skorupski, si è mosso prima degli altri. E in maniera molto più decisa. Con il giocatore, un accordo già sembrerebbe esserci: 1,3 milioni di euro circa per tre anni, più opzione per il quarto. Manca quello con il club francese, che, rassegnato all’idea di veder partire Sirigu a costo zero, vorrebbe però evitare di pagare le ultimissime mensilità che spettano al giocatore. Ancora si discute, ancora si discuterà. Ma difficilmente non si riuscirà a trovare un accordo. Certo, se la corda verrà tirata troppo, allora tutto dovrà essere rivisto. Ma la sensazione che Sirigu possa essere il primo colpo di questo calciomercato, è piuttosto fondata: la società è al lavoro, prima di pensare ad altro. Questa volta, gli errori di valutazione dovranno essere ridotti al minimo. O la corsa all’Europa potrà essere molto più dura del previsto.


116 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
die granata
die granata (@die-granata)
4 anni fa

Sirigu zappa tonelli lyanco barreca allan kucka baselli gabbia zapata eder 4-3-3 e avremmo pankina xche titolari di quest anno e vuol dire salto di qualita…notte a tt e sempre juve merda..

die granata
die granata (@die-granata)
4 anni fa
Reply to  die granata

Panchina posavec rispoli bonifazi rossettini molinaro acquah benassi valdifiori iago lialic boye…esclusi lukic e gustafson prestito e ajeti carlao obi avelar de silvestri in miniera

die granata
die granata (@die-granata)
4 anni fa
Reply to  die granata

A gia un vice zapata??eder quindi se vuoi far uscire zapata metti eder centrale e ce boye e se a partita in corso vuoi togliere un centrocampista passi al 4-2-3-1 cn eder lialic iago zapata

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE) (@vanni)
4 anni fa
Reply to  die granata

Cairo di calcio non sa una cippa ma in ogni caso tu sei meglio di petracchio. Non so….tanto il Gallo parte…che ci va a fare una squadra vera con quei soldi? Qualcuno che voglia il bene della squadra.

die granata
die granata (@die-granata)
4 anni fa

In porta prenderei posavec del palermo…tanto skorupski nn lo prendiamo…quindi sirigu posavec gomis

die granata
die granata (@die-granata)
4 anni fa

Iio punterei su eder sia cm esterno che cm punta….e secondo me farebbe bene anke cm regists..e un jolly d attacco lottatore professionista cn i piedi…in certe circostanze nn ha reso e vero ma in un contesto cm il nostro secondo me farebbe tanta roba….il tridente protrebbe essere vario…eder zapata… Leggi il resto »

Calciomercato Torino: Giorico per il centrocampo, anche i granata sul capitano del Modena

Milan pazzo di Belotti: pronta una nuova offerta