Chi è Marchizza, il difensore dell'Under 21 che piace al Torino

Da bomber a difensore, fino al Mondiale U20: chi è Marchizza, nel mirino del Toro

di Francesco Vittonetto - 31 Marzo 2020

Carriera e numeri di Riccardo Marchizza, il difensore centrale che piace al Torino di Cairo: gli inizi nella Roma, il presente allo Spezia

Bisogna partire da Roma, per raccontare Riccardo Marchizza. Il difensore classe 1998, ora allo Spezia ma di proprietà del Sassuolo, è nato nella capitale e da lì è partito per giocare a calcio. Segnava una caterva di gol a Tor Lupara, a due passi dalla riserva Marcigliana. Sì, perché all’inizio faceva l’attaccante. Per quello i giallorossi hanno messo gli occhi su di lui. Poi però gli anni di giovanili lo hanno cambiato e da centravanti è diventato stopper. Con la Primavera di De Rossi ha vinto tutto: campionato, Coppa Italia e Supercoppa. E nel 2017 ha lasciato casa. Destinazione: Sassuolo.

Il Sassuolo e i prestiti ad Avellino, Crotone e Spezia

Il 2017 non è stato un anno qualunque per il centrale che ora piace al Torino di Cairo e Bava. In estate, infatti, ha partecipato al Mondiale Under 20 in Corea del Sud, quello che la truppa azzurra di Alberico Evani ha terminato al terzo posto. Poi è arrivato l’approdo in neroverde e la nuova partenza. Verso Avellino, stavolta, dove ha giocato in prestito la prima stagione tra i professionisti (18 presenze).

Dalla Campania alla Calabria. Il 2018/2019, Marchizza lo ha trascorso a Crotone, tappa non foriera di tanti gettoni in Serie B (solo 17) ma importante nella sua crescita. Anche perché da lì si è conquistato il passaggio allo Spezia di Italiano. E in questa stagione, partito panchinaro, si è conquistato un posto da titolare.

Centrale mancino, terzino all’occorrenza in una difesa a quattro e utile ‘braccetto’ di una difesa a tre: anche con la sua duttilità Marchizza ha stregato gli osservatori del Toro. Gli apprezzamenti ci sono: ma la trattativa è ancora tutta da imbastire.