L’ex Sassuolo è titubante sull’ingaggio offerto dai campani. I granata potrebbero approfittarne per rinforzare la trequarti

Filip Djuricic è uno dei profili che il Torino valuta per assicurarsi un innesto importante per la trequarti. Il reparto in questo momento è il più spoglio della rosa granata, figurando solamente Radonjic come possibile titolare. L’arrivo del connazionale ex Sassuolo vorrebbe dire firmare uno dei migliori trequartisti del nostro campionato, nonostante l’incognita di una stagione trascorsa perlopiù in infermeria. Il Toro non è però l’unica squadra a mettere gli occhi su Djuricic. E’ infatti molto vivo l’interesse della Salernitana, come confermato oggi stesso da Danilo Iervolino. “Su Djuricic sono in corso valutazioni”, ha detto il presidente dei campani in un’intervista radiofonica, magari per non tradire una trattative che nelle scorse ore risultava essere ai dettagli. C’è comunque ancora distanza tra le parti relativamente all’ingaggio che l’ex Sassuolo dovrà percepire. Il Toro sta alla finestra, anche se lo scorrere delle giornate che separano dall’inizio del campionato e la preoccupante penuria nel reparto, dovrebbero spingere la società quanto meno ad assumere un atteggiamento più propositivo.

Djuricic: operazione low cost

La cessione di Bremer avrebbe dovuto dare il là a una sessione di mercato ancora ferma ai soli Bayeye e Radonjic. Troppo poco per accontentare Juric, il quale ha chiesto esplicitamente 8 giocatori per, quanto meno, dare una faccia dignitosa a un Torino in questo momento alle prese con un innegabile indebolimento. C’è da chiudere in fretta Denayer per fornire una risposta alla cessione di Bremer, di un nuovo progetto che vede al centro della difesa un giocatore dalla rispettabilissima carriera internazionale. Poi davanti, uno come Djuric fornirebbe maggiore imprevedibilità e soprattutto qualità, quella che al Toro manca come il pane dalla trequarti in giù. La Salernitana sembra essere un ambiente decisamente più entusiasmante se comparato al Torino attuale. Il direttore sportivo De Sanctis pare molto ambizioso e deciso a dare ai suoi datori di lavori e tifosi una squadra che dovrà lottare per non retrocedere, ma con ridotti patimenti rispetto allo scorso anno. Sarà tutta una questione di progetti e ovviamente di ingaggio e, in questo, il Torino dovrebbe quanto meno partire favorito. A che cosa servono allora le plusvalenze?

Filip Djuricic
Filip Djuricic
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 23-07-2022


149 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
toro e basta
toro e basta
22 giorni fa

Che calciomercato deprimente, la squadra necessita almeno 6 titolari e ancora oggi siamo qui con niente.
E c’è chi difende ancora questa baracca aggrappandosi al bilancio.
Facciamola finita e creiamo una squadra di dottori commercialisti

thethaiman
thethaiman
22 giorni fa

Nuovo post Bremer, John Lucumi ma la concorrenza del Bologna fa da ostacolo.

mavafancairo
mavafancairo
22 giorni fa
Reply to  thethaiman

Denayer, Solet, Schuurs, Lucumi…e prima ancora Faes, Kumbulla, Acerbi… è bello sapere che la sostituzione di Bremer è stata pianificata con tanta lucidità, chiarezza di idee e tempestività…DIREIBENEFC: PROGETTUALITA’, PROFESSIONALITA’, PASSIONE E COMPETENZA AL SERVIZIO DEL TIFOSO, CHIEDI UN PREVENTIVO OGGI STESSO

toro e basta
toro e basta
22 giorni fa
Reply to  mavafancairo

La sostituzione di Bremer così come quella di Belotti, Praet Brekalo Ansaldi e il portiere sono state pianificate nei più minimi dettagli…
😂😂😂😂😂😂

mavafancairo
mavafancairo
22 giorni fa
Reply to  toro e basta

anche quella di Pobega (…) e di Mandragora, non c’è che dire

toro e basta
toro e basta
22 giorni fa
Reply to  mavafancairo

Giusto.
Senza parlare del nostro glorioso settore giovanile e di come lo hanno fatto diventare con le strutture fantasma

RiminiGranata
RiminiGranata
22 giorni fa

Se devo prendere il solito riempibuco come questo, meglio alirab riorendere Liajic..

Calciomercato Serie A / Dodo in ritiro con la Fiorentina. Pjaca pensa al ritorno in patria

Juric manda un messaggio a Cairo: questo Toro può stupire ma servono i rinforzi