Izzo e il Torino, si punta alla cessione per monetizzare

L’Inter strizza l’occhio a Izzo: ma non è l’unico nella lista nerazzurra

di Giulia Abbate - 21 Novembre 2020

Calciomercato / A San Siro il Torino parlerà anche di mercato: Izzo piace a Marotta e una sua cessione può permettere ai granata di monetizzare

Dov’è Izzo? E’ la domanda che da settimane circola nell’ambiente Toro: da quando di fatto Giampaolo ha sancito la fine dell’esperienza del difensore con la maglia granata. Almeno formalmente. Sì, perchè di fatto Izzo è ancora un giocatore del Toro e in quanto tale pagato dal Toro senza tuttavia mettere piede in campo e far fruttare l’investimento fatto per portarlo, nel 2018, nel capoluogo piemontese. Anzi, al contrario quell’investimento sta rischiando di essere totalmente sperperato. L’aver relegato il numero 5 ai margini del progetto, per non dire totalmente fuori, del Torino sta facendo infatti precipitare il suo valore di mercato. Un tracollo a cui la società di Urbano Cairo vorrebbe porre un freno. E proprio in questo senso potrebbe risultare particolarmente interessante la trasferta di Milano.

Tra mercato e campo, una trasferta decisiva

Mentre in campo i ragazzi di Giampaolo cercheranno di arginare la formazione di Conte e di strappare quanti più punti possibile, infatti, è sugli spalti che si deciderà il futuro di Armando Izzo. O almeno se ne discuterà. Come abbiamo già raccontato nei giorni scorsi, infatti, la trasferta milanese consentirà a Vagnati di intavolare un discorso concreto per un eventuale cessione del difensore che, come noto, è da tempo finito nel mirino del ds neroazzurro Marotta. Una cessione che permetterebbe al Torino non solo di puntare allo scambio di cui spesso si è parlato con Nainggolan ma soprattutto di monetizzare dalla cessione di quello che, di fatto, è diventato un esubero.

Monetizzare per poi poter intervenire nuovamente sul mercato per andare a rinforzare i reparti più deboli come, uno su tutti, il centrocampo. Ma soprattutto per limitare i danni che indubbiamente arrivano dalle innumerevoli tribune e panchine collezionate da Armando Izzo.

Izzo, una cessione per limitare i danni

Basti pensare che il “taglio” operato da Giampaolo ha di fatto quasi dimezzato il valore dell’ex Napoli. Dopo essere stato acquistato per 10 milioni, il difensore è riuscito a toccare quota 25 milioni grazie ad un annata stratosferica che lo mise al centro dell’interesse delle più grandi squadre italiane ed europee. Poi il tracollo della scorsa stagione e un valore che precipitò fino ai 15 milioni attuali. Dieci milioni di differenza che comunque rendono il giocatore appetibile sì ma non certo arrivabile per chiunque. Anzi, la sua scomparsa dai radar sta rendendo quei 15 milioni un ostacolo non indifferente per un’eventuale cessione. Un ostacolo che il Toro dovrà necessariamente sorpassare per evitare di mandare in fumo l’intero investimento fatto nelle due stagioni in granata: gettare le basi di una trattativa con l’Inter potrebbe essere un primo passo decisivo verso l’addio di Izzo.

Armando Izzo of Torino FC looks on prior to the Serie A football match between US Sassuolo and Torino FC.

2 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
rotor
rotor
7 giorni fa

Ma pensate che l’Inter sia cosi’ stupida di prendersi un giocatore finito ?

T
T
7 giorni fa

Si, come no! 15 milioni… di lire!