Calciomercato Torino / Non solo Joao Pedro sul piatto ricco del summit tra Cagliari e Monza. I granata sono dietro nella corsa all’attaccante

Il Torino, nella trama che vede protagonista Joao Pedro e il suo addio al Cagliari, agisce da personaggio secondario. Può soltanto giocare di rimessa, perché in questo momento ad avere il pallino della situazione oltre al Cagliari e un’altra società parecchio ambiziosa. Il Monza dopo la vittoria ai playoff di B, esordisce in massima serie con l’intenzione non solo di rimanerci, ma di andare oltre le aspettative. La proprietà certamente rappresentava un indizio non da poco sull’idea di non compiere una stagione da mordi e fuggi e così il nome del Monza appare in continuazione, ridondante, quando l’argomento principe è il calciomercato. Obiettivi non certo da neopromossa sul taccuino di Adriano Galliani o Filippo Antonelli Agomeri e che, in queste ultime ore, stanno ostacolando i piani estivi del Toro e, dunque, del collega Davide Vagnati.

Toro, se vuoi Joao Pedro devi andare incontro al Cagliari

Joao Pedro è più lontano dal Toro di quanto si potesse pensare fino a qualche giorno fa. E i granata al momento non si ritrovano con la possibilità di avere il destino tra le proprie mani. Sarà il Monza a discutere col Cagliari dell’italo-brasiliano, in un incontro nel quale i due club si aggiorneranno, previsto in giornata. E non solo, visto che i lombardi vorrebbero aumentare il peso dell’operazione aggiungendoci Nahitan Nandez (ex obiettivo estivo del Torino) e Andrea Carboni. Il Toro può dunque soltanto attendere e affidarsi a un possibile mancato accordo tra le due controparti interessate. In caso di esito positivo, ovviamente per chi si trova sotto l’ombra della Mole, sarà giunto il momento di accontentare le richieste dei sardi.

Qual è l’alternativa del Torino?

Al momento la distanza col Cagliari è molto più concreta delle reali intenzioni della società granata. E’ Joao Pedro il reale obiettivo del Torino per sostituire Belotti? Forse non c’è risposta definitiva anche a quest’ultimo quesito, visto che si sta trattando il tema dell’italo-brasiliano quasi come un’occasione dettata da una disgrazia altrui, più per approfittarne sul piano economico che come una certezza sull’aspetto tecnico. L’atteggiamento del Torino si scoprirà da qui alle prossime ore, anche se il riscatto di Pellegri potrebbe già fornire qualche anticipazione all’orizzonte.

Joao Pedro e Koffi Djidji
Joao Pedro e Koffi Djidji
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 17-06-2022


45 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Emil
Emil
3 mesi fa

Per una volta sono d’accordo con GD.

Altri 70 giorni così , dietro a tutte le voci , non si può stare dietro.
Siamo arrivati a 30 40 nomi……bah.

mavafancairo
mavafancairo
3 mesi fa
Reply to  Emil

basta farsi scivolare le cose addosso, ispìrati al presiniente dell’effeci

Scimmionelli
Scimmionelli
3 mesi fa
Reply to  Emil

Tranquillo. Prima di Settembre saranno 300-400. Manco avessimo dieci DS

glicine
glicine
3 mesi fa

E chi se ne frega

Emil
Emil
3 mesi fa

Quanto costa Sartori?

Rauti, un anno da protagonista al Pescara: ora c’è da decidere il suo futuro

Calciomercato Serie A: Torreira può restare in Italia, il Monza tenta Gollini per la porta