Il serbo torna a Torino dopo il prestito al Maiorca, ma il suo addio è probabile. Su di lui una vecchia fiamma: la Stella Rossa

11 partite, 4 dal primo minuto, 0 gol e 0 assist. Queste le statistiche non certo entusiasmanti di Nemanja Radonjic durante il prestito cominciato lo scorso gennaio al Maiorca e concluosi con la fine del campionato. Inutile dire come il serbo non abbia lasciato il segno durante il suo trascorso alle Baleari. Anzi, un suo errore nella lotteria dei calci di rigore è costato anche la possibilità di alzare la Coppa del Re. Per questo, a stagione ultimata, il Maiorca ha deciso di non proseguire il rapporto con il serbo, che farà dunque ritorno al Filadelfia.

La stagione tra Toro e Maiorca

Un’altra stagione dunque da promessa non mantenuta quella di Nemanja Radonjic, tra Torino e Maiorca. In granata aveva anche cominciato bene. Un gol nella vittoria in extremis sul Genoa, la doppietta di Salerno. Bei segnali che non hanno però portato a un seguito. Dalle belle prestazioni, si è passato in fretta alle esclusioni in serie, fino appunto alla decisione di gennaio. Il presidente Urbano Cairo, il 26 dello stesso mese, aveva affermato: “Adesso Radonjic ha un piccolo fastidio ed è per questo che Juric non l’ha convocato, per quel che mi riguarda non è in uscita – per poi aggiungere – Ha avuto interessamenti da più squadre italiane, ma non si è fatto nulla perché comunque Radonjic per noi è importante”. Qualche ora dopo il volo per l’arcipelago spagnolo, dove è stato soltanto un elemento di passaggio, stesso ruolo che potrebbe avere quest’estate durante i primi allenamenti del post Juric.

Radonjic, la Stella Rossa osserva

Radonjic sarà ancora a disposizione del nuovo allenatore granata. Vedremo se inizialmente Paolo Vanoli saprà e vorrà comunicare con il fantasista serbo, viste le difficoltà nella gestione dei rapporti con il suo predecessore, Ivan Juric. Chissà se ci saranno i presupposti per la permanenza o, al contrario, se verrà ceduto in modo da non ritrovarsi alla scadenza del contratto (giugno 2025) a mani vuote. In caso Radonjic dovesse uscire, per lui la pista più probabile è quella di un ritorno in patria, alla Stella Rossa, dove ha militato nella stagione 2017-2018 prima di volare in Ligue 1 al Marsiglia. A confermarlo le parole di Mitar Mrkela, direttore sportivo delle società serba, di apertura totale verso l’operazione: “E’ un ottimo giocatore, siamo costantemente in contatto con lui. Noi vogliamo portarlo qui, ma non tutto dipende da noi. Speriamo in ogni caso che la vicenda si evolva in modo che Nemanja indossi la nostra maglia, è un grande desiderio della società ma anche dei tifosi”.

Nemanja Radonjic of Torino FC looks on during the Serie A football match between Torino FC and Udinese Calcio.
TAG:
calciomercato home

ultimo aggiornamento: 19-06-2024


10 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Giorgio Ferrini il vero capitano

Ce lo porto io col RISCIÒ…. Purche non abbia più possibilità di ritornare ….

granatadellabassa
1 mese fa

Per me può andare, però vorrei capire come giocherà Vanoli. Se sarà 3-5-2, allora Radonjic è inutile. Ma Vanoli pare non sia fissato con un solo modulo.
Però Radonjic è poco gestibile. Meglio che vada.

Toro1976
Toro1976
1 mese fa

E non sapete quanto è grande il mio desiderio di vederlo sparire, stavolta definitivamente senza elastico di ritorno!

Ilic, l’Europeo come vetrina: le prestazioni possono far alzare il prezzo

Calciomercato, il Torino ci riprova per Laurienté: avviati i contatti