Toro, a gennaio dal mercato nuova linfa: Martinez rischia il taglio

di Francesco Vittonetto - 2 Dicembre 2016

Le dichiarazioni di Petrachi prospettano movimenti nel reparto offensivo: si cerca un esterno di ruolo e il venezuelano potrebbe salutare

Non lasciano spazio a troppe fantasie le parole del direttore sportivo granata Gianluca Petrachi. Nell’intervista rilasciata ieri a Radio Sportiva, l’uomo mercato del Toro ha espresso la volontà di muoversi anche per il reparto offensivo, nonostante l’ottimo rendimento mostrato fin qui dagli avanti di Mihajlovic. Il parco esterni necessita di rinforzi, dal momento che oltre agli inamovibili Iago Falque e Ljajic vi sono Martinez e Boyè, due che però la fascia l’hanno percorsa poco in carriera. Il venezuelano, sin dal suo arrivo in granata, ha giostrato sempre da seconda punta nell’attacco a due di Ventura; tuttavia in Nazionale, così come nell’esperienza svizzera, ha all’attivo qualche presenza come terzo a sinistra in un 4-2-3-1. Ancor meno ha fatto Lucas Boyè, che nel River Plate ha sempre occupato il centro dell’attacco.

Proprio il mercato di gennaio, dunque, cambierà qualche volto all’attacco granata. Per le entrate Petrachi stesso ha fatto i nomi di Iturbe e Biabiany, definendoli “Piste buone”, ma ancora da valutare in maniera approfondita. In ogni caso ad ogni manovra in ingresso dovrà per forza di cose corrispondere una in uscita. Il Toro è infatti al completo, secondo i parametri della riforma Tavecchio e non potrà attivare il mercato in entrata se non a fronte di qualche cessione. E in questo senso, l’indiziato numero uno appare proprio Josef Martinez. Il numero 17 non è mai riuscito a trovare la sua vera dimensione nell’esperienza granata e con il nuovo corso Mihajlovic il minutaggio si è ridotto sempre più.

A ciò vanno aggiunte le parole del tecnico serbo nel post Toro-Pisa. Quei “Jolly finiti” sembrano attagliarsi perfettamente alla situazione dell’attaccante venezuelano, autore martedì di una prova anonima. Mai come in questo momento il futuro di Martinez in granata è appeso ad un filo: la nuova linfa che Mihajlovic vuole dare al suo attacco sembra non prevedere il rilancio del venezuelano, che ha solo un mese ormai per far cambiare idea al suo tecnico.

più nuovi più vecchi
Notificami
Giankjc (La tragedia non è morire, ma dimenticare.)
Utente
Giankjc (La tragedia non è morire, ma dimenticare.)

E poi mi chiedo perché si debba attendere ancora più di un mese,
non si può dirglielo adesso, subito: ‘basta con il pallone, prova con lo hula hoop. Correndo, s’intende’.

Sergio (Plasticone69)
Utente
Sergio (Plasticone69)

Joseph game over….Urbano please insert coin

Giankjc (La tragedia non è morire, ma dimenticare.)
Utente
Giankjc (La tragedia non è morire, ma dimenticare.)

???
‘Please insert coin’ rende perfettamente l’idea.
Come per i flipper di adolescenziale memoria,
la moneta giusta è solo una.
Avoja a provacce co’ quelle più piccole. Nun s’accenneva.
Bella Plasticó.

Mw73
Utente
Mw73

Il Toro sel futuro punterà sempre più su giovani talentuosi con un minimo di esperienza e prospettive, alla Belotti per intenderci. Non scommesse alla Martinez ma talenti grezzi da far esplodere. Abbiamo le risorse e adesso forse anche le ambizioni per puntare a profili di quel genere. Quindi gente come… Leggi il resto »

X