Koffi Djidji ha il contratto in scadenza al 30 giugno 2023: Juric vorrebbe trattenerlo al Torino e in società si sta lavorando al rinnovo

Settimane decisive in casa granata in ottica rinnovi: Koffi Djidji è sicuramente uno dei casi più delicati a cui la società sta lavorando. Il difensore, infatti, ha il contratto in scadenza al 30 giugno 2023 e Vaganti ha avviato i dialoghi per cercare di trattenerlo al Torino, come espressamente richiesto da Juric. A pochi minuti dal calcio d’inizio di Torino-Fiorentina, Vagnati ha parlato così ai microfoni di DAZN: “Stiamo valutando le situazioni di Miranchuk, Djidji e Vlasic e ne stiamo parlando con i diretti interessati“.

I ripetuti apprezzamenti di Juric

Già lo scorso ottobre Ivan Juric aveva speso parole al miele per il classe ’92: “Djidji ha le caratteristiche che ci servono, è un difensore moderno, ha gamba e forza fisica, ti permette di giocare a spazi aperti. Per caratteristiche è il giocatore che vorrei sempre avere, deve migliorare l’aspetto tecnico ma caratteristiche giuste”. Poi, a marzo, l’allenatore croato ha mandato un altro messaggio al suo club: “La mia posizione è che deve rimanere. Penso che sia un giocatore forte, che accetta spazi aperti contro qualsiasi tipo di attaccante. Non è facile trovarne uno così: ci sono difensori che certe partite le fanno bene e in altre faticano. Con certi difensori devi adattarti, con Djidji riesci a fare un calcio offensivo perché riesce a gestire spazi grandi: è un giocatore forte”. Infine un pensiero anche a maggio, poco dopo il pareggio contro il Monza: “Perderlo sarebbe un errore enorme. Non è che la società non voglia rinnovarlo, è lui che dovrà fare le sue valutazioni. Mi auguro che si trovi un accordo”. Insomma, Juric è stato abbastanza chiaro sulla propria posizione, ora la palla passa al calciatore. Il tempo, tuttavia, scorre veloce.

Koffi Djidji
Koffi Djidji
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 23-05-2023


28 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Scimmionelli
10 mesi fa

Non saprei se Djidji e’ davvero da rinnovare…

granatadellabassa
10 mesi fa
Reply to  Scimmionelli

Per me è sì. Primo perché l’opinione del mister ha una sua rilevanza. Poi per il costo di sostituzione che in una società piena di prestiti sarebbe meglio evitare.
Poi so benissimo che non è un fenomeno ma certamente un serio professionista.

Scimmionelli
10 mesi fa

Proprio perche’ la societa’ si muove con i prestiti con diritto, sostituire Djidji potrebbe costare meno di quanto puo’ costare aumentare l’ingaggio a lui.

Djidji mi pare troppo lento per fare il braccetto e per fare il centrale c’e’ gia’ Schuurs.

Charlie66
10 mesi fa
Reply to  Scimmionelli

troppo lento??? ma se juric dice che è il più veloce che abbiamo e lo vuole per questo!!!!! 🤭

MondoToro
10 mesi fa

Ah ecco 🙂 . Perché fino ad oggi sembrava che ci fosse la coda fuori, Inter alla finestra, ingaggi poderosi, etc Ora stiamo virando su una più realistica possibilità di rinnovo con ritocchino. Sinceramente un buon ds un profilo così lo trova nel giro di qualche settimana andando a vedere… Leggi il resto »

Troposfera Granata
10 mesi fa

Se rimarrà Schuurs, il pacchetto arretrato potrebbe contare su Rodriguez, Buongiorno, Schuurs, Zima. Se partisse Djidji bisognerebbe sostituirlo con un giovane di ottime prospettive. Zima lo considero un veterano anche se ha solo 22 anni.

madde71
madde71
10 mesi fa

se rimarra’ il mister..

Scimmionelli
10 mesi fa
Reply to  madde71

“E dove volete che vada?” (cit.)

Jones
10 mesi fa

Zima ha dimostrato di non essere un brocco e mi ha sopreso piacevolmente già alla prima partita,ma non si è potuto giudicare appieno in un periodo lungo,io perlomeno non so quanto possa essere forte,spero che confermi le buone impressioni

eleonoragranata
10 mesi fa

Zima mi piace molto e se viene convocato anche nella sua nazionale significa che lo stima anche gente più competente di me. Forse non è veloce come Djidji ma un buon giovane, come tu scrivi, lo si può trovare a costi non proibitivi.

Missione in Francia per il Torino: osservati giovani del PSG

Torino, il mercato degli esterni: in estate può esserci una rivoluzione