Millico: “Orgogliosi di quello che abbiamo fatto”

di Andrea Flora - 11 Giugno 2019

Primavera, Millico su Instagram ringrazia per la stagione appena terminata con l’uscita in semifinale scudetto del Torino e punta al salto in prima squadra

E’ finita ufficialmente ieri sera la stagione straordinaria della Primavera del Torino guidata da Federico Coppitelli. Una stagione che ha visto la conquista da parte dei granata della Supercoppa Italia e dell’arrivo in finale per la Coppa Italia e ad un passo da quella scudetto. Il giocatore simbolo di questa squadra è stato senza dubbio Vincenzo Millico, capace di trascinare in alto il Toro e di portarlo tra le quattro più forti del campionato. La stagione si è conclusa con l’amaro di un’eliminazione al 120′ dalla Semifinale Scudetto contro l’Atalanta. Un 4-3 che ha porta la firma anche di Millico che però in questo caso non è stato decisivo come al solito. Finisce una stagione di alto livello, e gli occhi del bomber della Primavera granata sono già proiettati sulla prossima con il definitivo salto nel “mondo dei grandi” come lui stesso ha definito. “Dispiace tantissimo uscire in questa maniera, uscire con il rammarico di un gol al 95’ che sembrava che il destino fosse dalla nostra parte e invece non era così”, ha scritto l’attaccante.

Millico, il messaggio sui social a Mazzarri e al Torino

Vincenzo Millico lascia il suo personale pensiero sulla stagione appena conclusa sul social Instagram, con un post che è la sintesi dell’annata passata tra la Primavera e la prima squadra, tra momenti di gloria assoluta e la tristezza dell’infortunio che l’ha tenuto a lungo fuori dal campo.

“Un’altra stagione è finita è sicuramente ci siamo tolti delle soddisfazioni anche se alla fine non siamo riusciti a raggiungere tutti gli obbiettivi, ma alla fine dei conti possiamo essere orgogliosi di quello che abbiamo fatto e espresso”, ha scritto il numero undici.

Un post che è un messaggio di ringraziamento allo staff della Primavera e al suo allenatore, Coppitelli, che l’ha portato ad ottenere la chiamata dell’altro – futuro – allenatore: Walter Mazzarri. Il post su Instagram è un messaggio rivolto a lui quasi con l’esplicito intento di ricordargli che per il prossimo anno c’è anche Millico per un posto al fianco di Belotti.

Millico, un bomber da 24 reti in 22 partite

Vincenzo Millico è il futuro del Torino, un tesoretto da tenere stretto e che non va disperso. E’ il risultato della bontà del lavoro del Settore Giovanile dei granata, un settore che punta a crescere ancora di più e che punta a dare nuovo spazio a talenti come il bomber numero 11 di Coppitelli.

Con i lavori al Filadelfia e tra poco al Robaldo, si consoliderà ancora di più il progetto della “cantera granata” che fin qui ha dato ottimi risultati. Chi è Vincenzo Millico? E’ il simbolo del nuovo corso del Torino e frutto pronto per il definitivo salto con Mazzarri in prima squadra.

più nuovi più vecchi
Notificami
tarzan_annoni
Utente
tarzan_annoni

Ieri sera l ho visto molto nervoso, al limite dell’ indolenza, specie nel primo tempo. A sua discolpa, quasi totale, c’è l’ età e la poca maturità. Personalmente non lo butterei nella mischia subito…qualche partita in serie b gli farà sicuramente bene.

TorinoGranata (ex GD) W il popolo Granata di Empoli
Utente
TorinoGranata (ex GD) W il popolo Granata di Empoli

Umiltà. negli ultimi tempi ne ho vistapoca. poche corse, poca rabbia, supponenza. colp della stampa che lo ha eletto gia come primadonna e campione sicuro. colpa anche sua che ci ha creduto

gabbo
Utente
gabbo

questo è il calcio contemporaneo. conta solo il prestigio personale: l’orgoglio è per quello che hanno fatto (?), mica per la maglia (notare che il ringraziamento va “alla società” che scrivere toro pareva brutto). non ce l’ho con lui o con i suoi compagni, stanno lavorando seriamente per garantirsi una… Leggi il resto »

madde71
Utente
madde71

Piu che on la pma squadra, lo vedrei meglio in B,Cittadella, Benevento, Pescara, pure Perugia. Vediamo li cosa vale

tore110
Utente
tore110

Quoto

tore110
Utente
tore110

iPerò aggiungo le motivazioni deve trovarle in una squadra di B … magari che deve lottare per mantenere la categoria , li dimostrerebbe tutto il suo potenziale , o dentro o fuori , i giovani vanno messi nelle condizioni ideali per esprimersi , il ragazzo non è pronto per stare… Leggi il resto »