Butic si porta il pallone a casa, Coppitelli esulta: i playoff figli di un percorso partito da lontano

16
Butic Torino Primavera
Foto Instagram

Il successo in Torino-Napoli porta la Primavera di Coppitelli ad affrontare i playoff con un rendimento in crescita e prestazioni sempre più convincenti. Ora il Toro è la scheggia impazzita, e con un Butic così…

La Primavera del Torino fa sognare. E se la Coppa Italia vinta era stata una ciliega già su una buona torta, confezionata da Coppitelli, questo finale di stagione si sta rivelando davvero di alto, se non proprio altissimo, livello. Quasi insuperabile. E quando si dice che da un settore giovanile ci si aspetta prima la crescita che il trofeo (il quale, per altro, solitamente ne é la naturale conseguenza), ecco che l’esempio del Torino diventa più che calzante. Perché straordinario è stato il lavoro portato avanti dall’allenatore e dal suo staff in questi mesi, e straordinaria, di pari passo, la resa della squadra. Questi Torelli, termine non dispregiativo ma affettuosamente anagrafico, sono diventati dei Tori; questo gruppo, una corazzata. E con i playoff conquistati, ora il gioco si fa ancora più divertente.

Coppitelli: mentalità da vincente. Il primo cambio al 30′ in Torino-Napoli, e la Primavera continua a volare

La crescita, si diceva. Bene ha fatto ieri proprio Coppitelli a ricordare come in questo girone di ritorno, con la sconfitta dell’Atalanta, il Torino abbia finora avuto il rendimento migliore di tutto il campionato, che, per altro, è di cinque punti superiore rispetto al girone d’andata, giudicato comunque positivamente. E la crescita passa prima di tutto dalla testa, dalla mentalità. Succede quindi che in una partita pressoché decisiva come quella di oggi, l’allenatore decide di sostituire un giocatore dopo soli 30′, che proprio non stava rendendo. E non uno qualunque, ma Kone: “Non possiamo mai permetterci di non dare il massimo” ha poi dichiarato Coppitelli a fine gara, chiudendo l’episodio ma facendo capire di avere ben saldo il controllo della Primavera. Che lo segue, e vince.

Butic, tripletta d’oro: ora la Fiorentina è nel mirino

E poi c’è lui, Karlo Butic. Stagione strepitosa per l’ex Inter, arrivato nel Torino Primavera con tanta voglia di vincere. E in effetti, sta trascinando la squadra a un risultato davvero straordinario. La vittoria di ieri permette di accorciare sulla Fiorentina: se il Toro dovesse vincere l’ultima gara con la Lazio, e i viola perdere quella con il Sassuolo, allora arriverebbe quarto, trovandosi ai playoff proprio contro i toscani, ma che affronterebbe in casa, al Filadelfia. E tutti sanno quanto sia determinante il fattore campo, soprattutto a Torino, e in una gara secca. Anche ieri, Butic è stato determinante: la prima rete, arrivata al 46′ del primo tempo, ha sbloccato ogni cosa; una punizione magistrale, forse il suo secondo pallone toccato fino a quel momento, che risolleva la squadra dalle secche verso cui l’avevano direzionata gli avversari campani. Un gol di classe, da leader, quale è. E non è l’unico, lì dentro. Sì, questa Primavera è cresciuta davvero tanto. E il miracolo di Coppitelli è probabilmente già avvenuto.

  Iscriviti  
più nuovi più vecchi
Notificami
microbios
Utente
microbios

Butic ha segnato di più di De Luca e Diop in primavera: 25 reti in 35 presenze, contro le 13 su 26 di De Luca e le 10 su 17 di Diop. Ma non è solo il numero di gol che stabilisce il livello superiore rispetto agli altri due. E’… Leggi il resto »

Giankjc (Gianky1969)
Utente
Giankjc (Gianky1969)

Invece, per me, potrebbe essere anche la riserva di belotti o (se come sembra ha trovato casa altrove) di una prima punta tutta da individuare.
La differenza, rispetto alla A, la fa il fisico e lui è già all’altezza.

Massimo 1963 (lamaratona2.0)
Utente
Massimo 1963 (lamaratona2.0)

Ma come altrove??? Ma se Cairo ha appena dichiarato che non lo vende… Vuoi mica che il pves dica una bugia…

Giankjc (Gianky1969)
Utente
Giankjc (Gianky1969)

Eh eh eh, caro Max la proprietà sa come fare i suoi interessi e regalarci le soddisfazioni che meritiamo….

rimbaud
Utente
rimbaud

Secondo me invece rischi un nuovo sadiq o peggio un nuovo de Luca..che perde 6 mesi in panca a guardare gli altri

rimbaud
Utente
rimbaud

Diciamo che mettere su una squadra b aiuterebbe un percorso di crescita interno. Si potrebbe preservare il gruppo vincente della primavera affidandolo sempre a coppitelli , garantendo la crescita di calciatori e allenatore che potrebbero misurarsi con le serie professionistiche, nonché una maggiore possibilità di giocare perché di proprietà, senza… Leggi il resto »