Bookmakers in subbuglio per la partita del 16 aprile contro la Lazio. Il Torino si dimostra roccioso bloccando il Milan sullo 0 a 0

Dopo il buon pareggio contro il Milan il Torino prova a caricare squadra e tifosi nella partita contro la Lazio del 16 aprile. I bookmakers danno la vittoria dei granata a 5, quindi di certo non proprio probabile ma staremo a vedere.

Tommaso Pobega
Tommaso Pobega

Bella prestazione dei granata che bloccano il Milan (primo in classifica a 2 punti dalle inseguitrici) con un convincente 0 a 0. Sempre superba la prova di Bremer che si dimostra essere un difensore roccioso e attento. La lotta per lo scudetto prosegue, quindi, a spron battuto con la brutta sconfitta in casa per il Napoli che ridimensiona le sue possibilità di vittoria del campionato. Sorride l’Inter, invece, protagonista di una bella prestazione nei confronti di un Verona mai in partita e sconfitto 2 a 0 con una certa facilità.

I siti per scommesse calcio, comunque, indicano una facile vittoria per la Lazio che, nel prossimo turno, si scontrerà proprio con il Torino nelle mura amiche dell’Olimpico. I portali dei bookmakers, infatti, assestano la vittoria in casa degli aquilotti a 1, 60 e danno il Torino vincente con una quota vicino al 5,25. Attenzione, sempre, alla forte difesa dei granata che potrebbe imbrigliare anche Ciro Immobile con la stessa energia con cui ha frenato gli attacchi di Giroud e Leao.

Il Torino vittima di un girone di ritorno un po’ altalenante

Possiamo dire, con certezza, che Juric (il tecnico che tanto bene aveva fatto negli ultimi anni) non è riuscito a creare lo stesso gioco spumeggiante del Verona a Torino. Molto probabilmente, e di questo ne siamo sicuri, le mosse pensate per smuovere la classifica non sono state recepite al massimo dai giocatori che, nell’attacco, hanno mostrato grandi difficoltà in tutto il campionato. Vero è che l’infortunio di Belotti e una cattiva gestione di alcune partite in casa (Cagliari e Venezia su tutte) hanno un po’ frenato gli entusiasmi granata i cui tifosi si aspettavano, in maniera netta, un campionato di ottimo livello, in lotta per l’Europa ma ciò non toglie che alcuni approcci alle gare siano stati, assolutamente, sbagliati.

La vittoria fuori casa dei granata contro la Salernitana, ottenuta solo con un rigore ripetuto che ha scatenato polemiche, ha fatto respirare un po’ il Toro che, con i suoi 39 punti in classifica, è fuori dalla lotta per la retrocessione ma Cairo non è del tutto soddisfatto. L’unica perla di questo campionato è Bremer, vero gioiellino già conteso da un bel po’ di squadre europee al vertice. La possibile cessione del brasiliano e una campagna acquisti mirata per cercare di ritrovare grinta e lucidità possono essere le carte vincenti per il prossimo anno (in attesa di ritrovare palcoscenici europei più consoni a uno dei tifi più caldi del continente).

Un campionato strano con una volata scudetto incandescente

Questo campionato 2021-22 è, di per certo, uno dei più avvincenti degli ultimi anni: abbiamo anche scritto un articolo apposta su come come vederlo in streaming. Dopo stagioni intere in cui, fin da subito, la squadra favorita manteneva un distacco importante dalla seconda in classifica senza grossi stravolgimenti adesso, a 6 giornate dalla fine, la lotta scudetto è più viva che mai. Abbiamo, infatti, in prima posizione il Milan che, però, reduce da due pareggi consecutivi per 0 a 0, ha permesso alle inseguitrici di recuperare terreno. Seguono, a soli due punti di distacco, il Napoli e l’Inter con 66 punti e quarta è stabile la Juventus che, dopo essere partita molto male, sta inanellando risultati positivi da un bel po’ di giornate con 62 punti.

Insomma, solo 6 punti intercorrono tra la prima e la quarta posizione e nessuno può sentirsi sicuro del prosieguo del campionato. Il Milan di Pioli, purtroppo, non sembra al massimo della forma e il Napoli di Spalletti continua a perdere in casa, mostrando una debolezza inaspettata. L’Inter di Inzaghi, dopo un mese e mezzo senza vittorie, sembra aver ritrovato la sua proverbiale compattezza e pare essere la squadra più in forma ma attenzione alla Juve che non mostra cedimenti e con l’arrivo a gennaio di Vlahovic si trova ad avere, nuovamente, il piglio guerriero che ha ammazzato il campionato per tante stagioni in precedenza. Dobbiamo, quindi, pensare che sarà una lotta fino all’ultima giornata? Noi ci auguriamo che sia proprio così.


Non solo Immobile: il segreto della Lazio è il centrocampo

Cambia la data di Atalanta-Torino: si gioca mercoledì 27 aprile