La presentazione della Juventus / I bianconeri sono reduci da un inizio di campionato sottotono dopo l’arrivo di Pirlo

Con la sfida contro la Samp ormai alle spalle, il Toro di Giampaolo si prepara ad una delle sfide più sentite per i granata: il derby della Mole. La prossima avversaria, una delle più complicate di sempre,è reduce da un inizio di campionato complicato. Le possibilità di renderlo più alla portata del Toro ci sono e, se sfruttate, potrebbero trasformare la partita nel match della svolta definitiva. Anche i bianconeri stanno soffrendo il cambio in panchina che, dopo un’ananta iuttosto deludente con Sarri, ha visto subentrargli Andrea Pirlo, lo stesso del gol al 93′ al derby di andata nella stagione 2014-2015, destinato alla panchina della Juve B, ma che è stato poi messo al comando della compagine bianconera.

Juventus imbattuta ma quarta in classifica

La scelta azzardata dalla società non ha per ora ancora portato ai risultati sperati. Nonostante la permanenza di Ronaldo, la Juventus non sta riuscendo a rendere come in passato e la dipendenza dal portoghese si fa sentire. La riprova è arrivata nell’ultimo match di campionato con i bianconeri che, senza l’ex Real Madrid hanno strappato un misero pareggio contro il Benevento. Entrando più nel dettaglio sono infatti solamente 3 le vittorie conquistate sul campo, alle quali va aggiunto il 3-0 a tavolino contro il Napoli, oltre ai 5 pareggi rimediati. L’imbattiblità, marchio di fabbrica dei bianconeri, comunque permane, così come i punti in classifica che sono 17 (al pari di Napoli e Roma) e che valgono il 4° posto.

Cambi nel modulo e nelle preferenze con Pirlo al comando

Il colosso Juve non sembra comunque più lo stesso da dopo Allegri, seguito da Sarri. L’addio dell’ex Napoli ha portato a cambiamenti nel modo di giocare e nelle scelte tecniche della compagine bianconera: da un 4-3-1-2 che avrebbe dovuto assicurare il tanto decantato “bel gioco”, si è invece passati ad un 4-4-2. Ed anche sul fronte formazione Pirlo ha mostrato preferenze differenti dal suo predecessore. Oltre ad un calo inziale di Bernardeschi, risollevatosi poi in Nazionale, il ritorno di Morata, ma assente contro i granata, ha fatto scendere Dybala nelle gerarchie. La strada è ancora lunga anche per quanto riguarda la Champions, che vede i bianconeri in seconda posizione alle spalle del Barcellona nel proprio girone.

Junveuts
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 02-12-2020


9 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari) (@gianky1969)
11 mesi fa

Errato, sbagliato, inesatto.
Nel “passato” non c’era affatto paura dei gobbi.
La Storia del Toro è ben altra, studiate.

salacercipersempre
salacercipersempre (@salacercipersempre)
11 mesi fa

Poche balle, per favore zero chiacchiere fra noi e nello spogliatoio… Chiunque scenda in campo con ls maglia granata: spaccate la schiena ai pigiami ed asfaltateli…Di tutto il resto, in questa settimana, non ce ne cala assolutamente il nulla di nulla. Arrivederci a Sabato sera.

granataenientepiu
granataenientepiu (@granataenientepiu)
11 mesi fa

Toglietemi una curiosità: ma il por.co maia.le na.no cuntabal braxxiamoxxe di Masio che fine ha fatto? Si è ripreso dal covid? Ma non parla più? E il suo prode scudiero salvatore della patria Ds osannato dai lexxaxulo del presiniente appena arrivato dalle mirabolanti vittorie con la real spal dove sta?… Leggi il resto »

T9
T9 (@t9)
11 mesi fa

Ciao Alberto, ben trovato.

granataenientepiu
granataenientepiu (@granataenientepiu)
11 mesi fa
Reply to  T9

Mi chiamo Riccardo

Giudice Sportivo: Morata squalificato per due turni, salta il derby

La Juve non ci sta: pronto il ricorso per la squalifica di Morata