Cairo: “Tutti hanno fatto bene, Zaza è rinato. Mercato? Pronto a cogliere le opportunità”

di Andrea Piva - 9 Agosto 2019

Il presidente del Torino, Urbano Cairo, ha commentato la larga vittoria per 5-0 della sua squadra contro lo Shakhtyor Soligorsk

“Questa è la vittoria più larga della mia gestione in Europa, nel 2015 avevamo già fatto cinque gol con il Copenaghen ma avevamo preso un gol”. La ricorderà a lunga, Urbano Cairo, la vittoria ottenuta dal suo Torino contro lo Shakhtyor Soligorsk nell’andata del terzo turno preliminare di Europa League. Una vittoria da record nella sua gestione. Belotti e Zaza si trovano benissimo, anche Berenguer ha fatto cose spettacolari, anche Bremer e Bonifazi stanno facendo bene. Potrei citarli tutti dal primo all’ultimo, anche Meité e Baselli hanno fatto bene, Singo. è entrato bene” ha dichiarato il patron granata nel post partita, commentando la vittoria.

Torino, Cairo sul mercato: “Abbiamo confermato tutti”

Al termine di Torino-Shakhtyor Soligorsk, Cairo ha anche parlato di mercato: “Migliorare questa squadra è difficile. Ma anche se prendiamo qualcuno, il mister lo fa giocare subito? No, perché chi togli di questa squadra? Oggi non avevamo Falque, Aina, Lyanco, Djidji che sono due giocatori che stanno recuperando, Sono tutti giocatori che sono titolari, poi in panchina avevamo anche Rincon e Lukic che sono altri due titolari. La ciliegina la prendiamo se troviamo la ciliegina vera, che piace al mister: se la troviamo ben lieto di prenderla”.

Poi su Verdi: Verdi? A me non piace parlare di giocatori di altri. A volte può succedere che un giocatore non riesci a prenderla perché la squadra che lo ha prima di venderlo deve fare altre operazioni”.

Il Grande Torino come modello

“Abbiamo riconfermato completamente la squadra che è arrivata quarta nello scorso girone di ritorno aggiungendo Lyanco, Bonifazi e poi dei giovani come Millico, Singo e Rauti, che piace molto al mister. Poi abbiamo uno Zaza che ha fatto il ritiro con il mister, che dimostra una grandissima voglia, che secondo me è un giocatore nuovo rispetto all’anno scorso. Io sono lieto di fare quello che va fatto, ma dobbiamo trovare la compatibilità. Sulle fasce abbiamo Ansaldi, Aina, De Silvestri, Berenguer e Parigini che adesso sta bene, oggi non era in panchina perché si è appena riaggregato”.

Se è vero che al momento il Torino non si è ancora mossa sul mercato in entrata, è altrettanto vero che è rimasto fermo anche su quello in uscita. “L’idea di tenere tutti mi è venuta quando sono andato il 4 maggio al cimitero a celebrare il Grande Torino – ha ribadito Cairo – Sono andato a rivedermi le varie formazioni, ho ripreso in mano gli almanacchi e ho visto che a volte nelle formazioni non toccavi nulla, a volte inserivi un giocatore. La difesa è rimasta tale per cinque anni di fila, Gabetto, Loik e Mazzola non si sono mai mossi, in cinque anni sono cambiate solo le due ali. Questo per dire che la cosa più importante è la solidità, Zaza quest’anno è completamente rinato. Belotti è tornato lui, Baselli sta crescendo. Poi noi in difesa abbiamo Izzo, Nkoulou, Lyanco, Bonifazi e Djidji, chi ha in Italia una difesa con sei giocatori così?”.

Il presidente granata è poi tornato sul tema Europa League parlando del probabile prossimo avversario del Torino: Il Wolverhampton? Intanto passiamo il turno. E’ una bellissima squadra, competitiva, sono arrivati settimi anche loro. Pensiamo però a una cosa per volta, cominciamo ad arrivarci al prossimo turno. L’importante è essere molto determinati”.

Infine, ancora per quanto riguarda il mercato: “Il vice-Sirigu? Abbiamo un po’ di ipotesi, vediamo. Stiamo lavorando. Io ho imparato che le squadre vanno fatte per il ritiro, in questo caso la squadra ce l’avevamo. Poi cosa ci manca adesso? L’eventuale ciliegina. Noi comunque davanti abbiamo Belotti, Zaza, Falque, Millico, Berenguer, Edera e Rauti. Alla fine si gioca in undici. Io sono a pronto a cogliere le opportunità“.

Please Login to comment
75 Comment threads
221 Thread replies
3 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
44 Comment authors
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)DSRtony polsterAlberto FavaBagna cauda Recent comment authors
  Iscriviti  
più nuovi più vecchi
Notificami
DSR
Utente
DSR

[imgcomment image[/img]

Auguri PRESIDENTE!

Alberto Fava
Utente
Alberto Fava

Roby amico mio, io non l’avrei postata qui la foto dell’indimenticabile grande Orfeo.
Sotto un’articolo ed una foto che parlano di Cairo.
Suona come un ristorante gourmet posizionato a fianco di una discarica.
Scusami se mi sono permesso.
Ciao

DSR
Utente
DSR

Ciao Alberto, invece l’ho volutamente postare nell’articolo che parla del piccolo uomo, può sembrare un sacrilegio ma l’ho postata per renderlo ancor più piccolo, quest’uomo fresco di scudetto nel mercato estivo tentò di migliorare ancor di più una squadra che era arrivata davanti a tutti con gli acquisti di Danova… Leggi il resto »

Alberto Fava
Utente
Alberto Fava

Capito Roby, io ho vissuto ( per fortuna) quegli anni, tutti.
Sono un classe 53, e quindi per quelli della mia età capirai cos’abbia significato la Presidenza Pianelli: un sogno che si è avverato.

DSR
Utente
DSR

Sono del 63, ma ti capisco Alberto e come ti capisco.

Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Utente
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)

Un merito indimenticato.
Grazie Pianelli

Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Utente
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)

Confronto improponibile
comment image

Meglio una risata

Bagna cauda
Utente
Bagna cauda

Certo che quando appare nelle foto non lo si può guardare….. è di un viscido.

AT72
Utente
AT72

Le occasioni da cogliere e che servono sono tre e hanno dei nomi: De Paul, Laxalt e Verdi. Ovviamente con dei sacrifici (Iago Falque, Parigini, Edera, Gustavson e se serve Bonifazi).