Belotti entra nelle rotazioni con Sanabria e Zaza: per Nicola un modo per mantenere il gruppo e la massima concentrazione

Cinque partite al termine del campionato: cinque finali per Belotti e compagni che dovranno strappare ogni singolo punto per tenersi stretta la Serie A. Le squalifiche di Mandragora e Verdi, però, hanno messo in evidenza un “dettaglio” decisamente non trascurabile: nonostante non si tratti di uno stop forzato da problemi fisici, il Toro non può permettersi di perdere i suoi pezzi pregiati. Nicola dovrà inevitabilmente preservare il più possibile i suoi titolari, optando anche per qualche piccolo turnover che da qui alla fine del campionato potrebbe coinvolgere anche Andrea Belotti. Che sia già contro il Parma, o nelle successive sfide in programma, anche il Gallo potrebbe “godere” di un po’ di sano e meritato riposo. A patto che, ovviamente, non si parli di scelte tecniche né tanto mento di bocciatura.

Nicola, le rotazioni coinvolgono anche il Gallo

Pensare ad un Toro privo dell’uomo simbolo, del suo trascinatore di quello che più di ogni altro ha incarnato lo spirito tanto caro ai tifosi granata sarebbe pura follia. E nessuno, tanto meno Nicola, si prenderebbe la responsabilità di considerare il contrario. Tuttavia, è anche innegabile che dopo lo stop forzato a causa del Covid, la ripresa di Belotti sia stata più difficile del previsto. Tanto che ancora oggi risulta talvolta meno in forma e meno lucido dei due compagni di reparto, Sanabria e Zaza. E non è certo una caso che nelle ultime due sfide proprio il Gallo sia stato richiamato in panchina prima del 90′. Quanto ai due comprimari, Zaza e Sanabria si sono spesso alternati: il primo dopo aver segnato la sua 6^ rete stagionale contro la Roma è subentrato proprio a Sanabria partendo poi titolare nel successivo match contro il Bologna per poi partire nuovamente dalla panchina nel match contro i partenopei. Calcando il terreno dell’Olimpico solo nei minuti finali proprio al posto di Belotti. Tonny, invece, ha di fatto percorso la strada opposta: titolare contro la Roma ha riposato quasi un intero turno nel match contro la formazione di Mihajlovic, subentrando al posto di Zaza per poi ritrovare la titolarità contro i partenopei.

La staffetta degli attaccanti

Una staffetta continua che ha però mostrato al Toro due giocatori in grado di dare un contributo importante alla formazione granata. Ed è proprio questo stato di forma che Nicola vuole cavalcare. E non di certo a scapito di Belotti che non è mai stato e non è in discussione, ma facendo rientrare proprio il Gallo in queste rotazioni. Tutta gestione delle forze e delle energie, dunque, da parte del tecnico: un modo anche per sgravare il Gallo dalle troppe responsabilità, allentare le pressione e lavorare ancora una volta su quel concetto di gruppo che dal suo arrivo sulla panchina granata ha rivoluzionato la testa della squadra.

Una gestione del parco attaccanti che dovrà permettere a Belotti di rifiatare e ritrovare il suo fiuto per il gol rimanendo il leader indiscusso e contemporaneamente tenere Zaza e Sanabria al centro del progetto evitando pericolosi cali di tensione. E d’altronde Nicola è stato chiaro in conferenza: “ho un gruppo di cui mi fido ciecamente“.

Andrea Belotti
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 29-04-2021


3 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Troposfera Granata
Troposfera Granata
4 mesi fa

A proposito di rotazioni: a me è da circa un anno e mezzo che roteano vorticosamente…

Troposfera Granata
Troposfera Granata
4 mesi fa

Il Gallo è spremuto e demotivato. Meglio fargli tirare il fiato e buttarlo dentro nel secondo tempo.

odix77
odix77
4 mesi fa

concordo se non fosse che il sostituto sarà zaza….

Sirigu, il ritorno e l’intesa con Nicola: ha evitato una goleada

Torino-Cagliari-Benevento, calendari a confronto: il turno più agevole (sulla carta) è dei granata