Andrea Belotti su Instagram dopo la lettura dei nomi degli Invincibili del Grande Torino: “Forse il destino voleva arrestarla nel culmine dalla sua bellezza”

Una giornata senza dubbio intensa, quella di questo 4 maggio 2018, nella quale come ogni anno si è celebrato il Grande Torino, la storia di quell’incredibile squadra scomparsa tragicamente quel maledetto 4 maggio 1949. E come ogni anno le emozioni, a Superga, non sono mancate. Soprattutto durante la lettura dei Nomi degli Invincibili da parte del capitano granata Andrea Belotti. Un Belotti visibilmente emozionato che, proprio poche ore dopo le celebrazioni davanti alla Lapide, ha voluto affidare al proprio profilo Instagram il suo personalissimo ricordo del Grande Torino: “Forse era troppo meravigliosa questa squadra perché invecchiasse; forse il destino voleva arrestarla nel culmine della sua bellezza. (Carlin)“. Una frase ripresa anche da Daniele Baselli, sempre su Instagram.

Superga, 4 maggio 2018: non solo Belotti ricorda il Grande Torino

Non solo Belotti ha ricordato oggi il 4 maggio e quella tragedia che ha trasformato in Leggenda la squadra del Grande Torino. Prima della lettura dei Nomi, infatti, è Don Robella a ricordare gli Invincibili paragonandoli alle stelle, a delle guide in grado di indicare a tutti il percorso: “A cosa servono le stelle? Anticamente servivano per indicare il cammino. Anche noi abbiamo la fortuna di avere delle stelle sul nostro cammino. “Quelli là“, grazie a loro possiamo trovare la strada. Noi non possiamo costruire la strade che hanno fatto le stelle, noi costruiamo la nostra storia, ma guardando loro, ispirandoci a loro”. E sui social anche Rincon ha voluto celebrare questa giornata.


1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
GranataDentro
GranataDentro
3 anni fa

credo che tutto si possa contestare al gallo tranne che l’impegno.

Grande Torino: da Bianchi a Longo, dal Benfica a Zanetti, il ricordo del mondo del calcio

Superga, la Sindaca Appendino: “Il Grande Torino è storia e futuro della città”