Come a Brescia, anche a Verona Alejandro Berenguer è stato tra i migliori in campo: un gol segnato (uno annullato) e tante belle giocate

Gol, dribbling, giocate di qualità: la partita di Alejandro Berenguer al Bentegodi è stata un insieme di tutto ciò. Contro il Verona ha giocato la sua miglior partita di questa stagione e, probabilmente, anche una delle più convincenti da quando è arrivato al Torino. Raramente lo spagnolo lo abbiamo visto fare davvero la differenza come ha fatto ieri, tanto che la sua assenza in campo nel finale si è sentita. Walter Mazzarri lo ha richiamato in panchina dopo il gol dell’1-3 di Giampaolo Pazzini e da quel momento in poi la formazione granata non è più riuscita a ripartire con la qualità dei primi 70 minuti.

Torino, Berenguer in trasferta fa la differenza

Anche a Brescia, qualche settimana fa, Berenguer aveva fatto la differenza: al Rigamonti non aveva iniziato la gara da titolare ma era entrato nella ripresa, sul parziale di 2-0 per i granata ma in un momento di difficoltà. Il suo ingresso era stato fondamentale: il numero 21 aveva spaccato la partita, chiudendo i giochi con una doppietta. Poi era tornato a eclissarsi, tanto che una settimana fa, contro la Fiorentina, la sua prestazione aveva stonato con quella complessiva dei suoi compagni di squadra. Ora, di nuovo lontano da Torino, abbiamo rivisto quel Berenguer capace di fare la differenza.

Pressione casalinga da gestire

“Come mai questa sua differenza di prestazioni tra partite in casa e in trasferta? Ve lo chiedo a voi” ha ribattuto Mazzarri nella sala stampa del Bentegodi a chi gli chiedeva un commento sulla gara dello spagnolo. “Se sente troppo la pressione al Grande Torino? Forse. Probabilmente ha poi aggiunto evidenziando quello che è un piccolo problema. Problema a livello mentale e non tecnico. Problema che forse non è del solo Berenguer, considerando anche i tanti approcci sbagliati della squadra in questo campionato e la paura che è subentrata ieri dopo il rigore di Pazzini dell’1-3 (paura che ha facilitato la rimonta del Verona). I borbottii e fischi dopo un errore non aiutano, ma se i tifosi si lamentano è per le troppe prestazioni negative dello spagnolo: Berenguer ha le qualità per fare la differenza, lo ha dimostrato a Verona, a Brescia e in altre occasioni. E’ arrivato il momento di dimostrarlo con continuità anche in casa.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 16-12-2019


4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
odix77
4 anni fa

considerando che il vero tifo del toro non perde occasione per rimarcare quanto sia scarso e da serie B quando gioca male , direi che la redazione può rimarcare il contrario quando gioca bene…… non vedo scandali….o no?…. ma quanto vi da fastidio vedere prestazioni del genere? dai ammettetelo…. dopo… Leggi il resto »

odix77
4 anni fa
Reply to  odix77

ma quelli che non credono in lui sono gli stessi che : sirigu era bollito, nkoulu rotto, lyanco marchetta, e sinceramente la lista potrebbe anche proseguire…… avevano già deciso che era da serie B ancora prima di vederlo…. quindi…. se poi andiamo ad analizzare il rendimento degli attaccanti sotto la… Leggi il resto »

mas63simo
4 anni fa

🤣😂🤣🤣😂😂🤣😂😂🤣😂😂😂🤣😂😂

fringomax
4 anni fa

Bene detto questo lo schieri solo in trasferta

A Verona sciopero di 45′ e protesta dei tifosi granata: cori per i Torino Hooligans

Falque in Spagna per la riabilitazione: rientro rimandato al 2020