Quanto è cresciuto Berenguer! Qualità e duttilità che fanno bene al Toro

di Veronica Guariso - 11 Agosto 2019

Dal 2017, quando è arrivato al Torino, ad oggi, Berenguer è cresciuto in maniera esponenziale: ora è un giocatore completo

L’esperienza insegna e Alejandro Berenguer sta mettendo a frutto tutto ciò che ha appreso da quando è arrivato al Torino nel 2017. In origine doveva essere la riserva di M’Baye Niang come ala sinistra nel 4-2-3-1 ora, invece, mentre l’attaccante senegalese è diventato definitivamente un giocatore del Rennes, è un titolare della formazione granata. E Walter Mazzarri difficilmente farà a meno di lui anche nelle prossime partite. Si è integrato pienamente ormai e si sta dimostrando uno dei giocatori più in forma al momento. Sia durante la preparazione che in questi primi match, ha stupito in positivo. Nell’ultima sfida contro lo Shakhtyor Soligorsk è grazie a lui che Andrea Belotti ha potuto segnare il secondo gol: lo spagnolo con furbizia e qualità è andato a prendersi il rigore che il Gallo ha poi trasformato. Un inizio che fa ben sperare e che dimostra quanto Mazzarri sia stato importante per farlo crescere.

Torino, Berenguer è il jolly di Mazzarri

Berenguer è riuscito pian piano a diventare un perno nel Toro attuale. In realtà però i primi miglioramenti erano emersi già nella scorsa stagione, dove era riuscito a mettersi in luce, attirando su di sé anche le attenzioni dell’Athletic Bilbao. Quest’anno ha poi trovato la conferma che cercava. Il Toro ha ora un giocatore maturo e che offre continuità, qualità che per Mazzarri è imprescindibile. Lo spagnolo è inoltre un calciatore molto duttile, capace di ricoprire più ruoli: può giocare come attaccante esterno nel 3-4-3, quarto di centrocampo a sinistra, ma nelle ultime partite Mazzarri lo ha provato anche con successo come mezzala nel 3-5-2 e trequartista dietro alle due punte.

L’intesa totale con Mazzarri

Il rapporto che Berenguer ha instaurato con Mazzarri è solido e di completa fiducia. Lo ha infatti rimarcato prima della sfida con il Soligorsk, dove ha affermato: “Io sono più maturo grazie a lui, sono più giocatore grazie a lui. Con il mister ho davvero un ottimo rapporto”. Queste le sue parole che rendono bene l’idea del clima che si respira all’interno dello spogliatoio granata. Timido e riservato, in campo tira fuori la grinta ed ultimamente anche qualche accorgimento in più. L’iniezione di fiducia da parte dell’intero ambiente gli ha fatto più che bene e continuando così non potrà che migliorare.

Please Login to comment
13 Comment threads
62 Thread replies
0 Followers
 
Most reacted comment
Hottest comment thread
16 Comment authors
Alberto Favatony polsterUltràRiminiGranatamadde71 Recent comment authors
  Iscriviti  
più nuovi più vecchi
Notificami
RiminiGranata
Utente
RiminiGranata

Berenguer da vendere se voi aspirare a competere do nuovo come quest’anno per Europa, che anche quest’anno sarà solo per la Champions.. Pou gli esclusi andanno il E.L. Ma si giocherà per la prima..

dm
Utente
dm

Berenguer è un onesto giocatore che sta tranquillamente in A. Siamo noi che volendo ora puntare a stare nelle prime 6 giustamente come titolari abbiamo bisogno di meglio… Comunque zitto zitto in questo momento se anche Falque fosse sano e si dovesse tenere giù uno dei due io non sarei… Leggi il resto »

Ultrà
Utente
Ultrà

continuo a ripetere…se arriva la “ciliegina” Verdi…chi si siede in panca? Iago?

Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Utente
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)

Iago é in panca oramai da Natale, per un motivo o per l’altro. Credo che TDG non riuscirà mai a far coesistere lui (o verdi), zazzà e il gallo. A dire il vero, secondo me, piuttosto di sacrificare un centrocampista-tuttocampista, giocherà esattamente come l’anno scorso con verdi al posto di… Leggi il resto »

Ultrà
Utente
Ultrà

e tutta la campagna pubblicitaria su Zazzà? escludi anche il 343 che in realtà è 541?

tony polster
Utente
tony polster

Zaza.Simone Zaza.numero 11 del Toro.zazza’ non so ando sta’.

dm
Utente
dm

Guarda, l’ho appena scritto. Io qualche dubbio ce l’avrei. Anche prima dell’infortunio, ma anche la seconda metà della stagione scorsa Falque cosa ha fatto? Falque mi sembra in una situazione molto preoccupante a livello psicologico… non gli gira e meno gli gira più foga ci mette e meno ottiene… Berenguer… Leggi il resto »

tony polster
Utente
tony polster

Anche se non arriva.