Contro il Trapani Berenguer inizia male ma si riprende e trova anche il gol: da da migliorare l’intesa con i compagni di squadra

Sta migliorando, si vede che ha gamba, gli manca l’altezza ma è giovane. Non è ancora nella condizione migliore, ma l’ho fatto giocare apposta”. Così, nella conferenza stampa post Torino-Trapani Mihajlovic spiegava la decisione di mandare in campo dal primo minuto il neoarrivato Berenguer. Una scelta che, secondo il tecnico, doveva servire da stimolo per l’esterno, permettendogli di mettere minuti importanti nelle gambe e di trovare le giusta affinità con i compagni. Ecco allora che contro il Trapani, nonostante la necessità di crescere e di migliorare Berenguer strappa una prima da titolare, una prima occasione per mettere in pratica quel salto di qualità e quel cambio di passo di cui già si parlava alla vigilia del match.

L’inizio non è certo dei migliori: qualche errore di troppo in partenza e un’intensa con i compagni ancora decisamente lontana dalla perfezione, com’è comprensibile, ma con la giusta grinta e determinazione. L’avversario di giornata non ha creato particolari patemi d’animo alla formazione granata e questo non può che aver aiutato anche lo stesso Berenguer. Con il passare dei minuti trova una maggior confidenza con il gioco e strappa anche la prima ovazione del pubblico del Grande Torino alla mezz’ora, quando, palla al piede, avanza, arriva davanti al portiere avversario e sigla la sua prima rete ufficiale in maglia granata. Un gol che da coraggio al giocatore. Nel secondo tempo solo una difesa più che attenta del Trapani gli nega, sulla linea, l’onore della prima doppietta ma non si scoraggia. Marcature a parte, un esordio positivo il suo, anche se ancora lontano dagli standar chiesti dal tecnico. Se la poca intesa con i compagni e una prestazione non perfetta nel match di ieri non hanno inciso più di tanto, infatti, contro avversari di tutt’altro spessore rischiano di diventare pericolosi e determinanti per il Toro. Non si parla di bocciatura, sia chiaro: l’inizio è sicuramente incoraggiante ma Berenguer, adesso, deve accelerare. Mihajloivc e lo stesso giocatore sono consapevoli della necessità di continuare a lavorare e le qualità ci sono: una volta trovata la giusta quadratura, anche il giovane esterno potrà ritagliarsi un ruolo da protagonista nella strada che dovrà portare il Torno in Europa.


17 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Grazia (granatina)
Grazia (granatina)
4 anni fa

A me non è affatto dispiaciuto. Che poi sia precoce esprimere giudizi attendibili, direi che è più che scontato.

pasqualebruno
pasqualebruno
4 anni fa

Ma che articolo è ?? Non una bocciatura ? Ma l’ha vista la partita il giornalista ?? Con tutto che c’era il Trapani, davanti, ma è stato uno dei migliori !

ExIgneFaxArdetNova
ExIgneFaxArdetNova
4 anni fa

Buoni piedi, scatto e velocità nel breve, potrà essere molto utile, aspettiamo.

Ljajic illumina il Toro e Mihajlovic lo esalta: “In questo ruolo è fondamentale”

Edera ce l’ha fatta, superato l’esame Mihajlovic: “Lo teniamo”