Il classe ’99 non ha ricevuto la chiamata da Mancini ed è apparso poco lucido in campo, studiando da capitano

Ci sono state sicuramente giornate migliori per Alessandro Buongiorno nella sua comunque breve carriera da calciatore professionista. Prima la delusione della mancata convocazione in nazionale da parte del c.t. Roberto Mancini ,che evidentemente non lo ha ritenuto pronto per il grande passo in azzurro, nonostante lo stage a Coverciano della stagione scorsa e l’inizio promettente di campionato. Questa sera tutto il Toro ha subito le scorie della stanchezza, riflessa in una squadra che ha faticato a mantenere alto il livello di intensità. Forse su Buongiorno si è visto più di tutti questo improvviso downgrade di condizione. Una gara in cui è stato sicuramente sottotono rispetto alle ultime prestazioni, specie quella di San Siro. Quella di ieri partiva poi su altri presupposti. Era un’occasione per i granata di mostrare la loro crescita in particolare nella gestione delle difficoltà e Buongiorno sarebbe stato il capitano di questo punto di svolta. E invece l’emozione per aver indossato la fascia si sposa con quella di una sconfitta dolorosa, amara per essere maturata all’ultimo, esattamente come una settimana fa.

Buongiorno, ieri poco concentrato

Buongiorno ha sofferto e parecchio la maggiore freschezza avversaria. Il Toro al contrario, appariva compassato, in certi tratti confuso e confusionario. Errori concettuali, di letture. Buongiorno in più occasioni è apparso un po’ goffo nel confronto con l’esordiente D’Andrea. Una sua leggerezza nel primo tempo rischiava di costare caro ai granata. Nel corso del match diverse sbavature, anche in impostazione. Emblematico un passaggio diretto sulla fascia al fresco di entrata Aina, spedito direttamente in fallo laterale. Ciliegina sulla torta: il gol. La sua marcatura sul repentino e vero fattore decisivo Alvarez è apparsa un poco flebile ed è valsa la sconfitta, sporcando quella che resta comunque una giornata di crescita. Indimenticabile per obiettivi personali raggiunti e batoste che lo aiuteranno a farsi più forte. Perché il cammino di Buongiorno fin qui è stato considerevole nella sua crescita e un passo a vuoto è anche da prendere in considerazione. Conta che quella fascia al braccio sia un messaggio di un futuro che parte dalla prossima, quando il Toro dopo la sosta farà visita al Maradona.

Alessandro Buongiorno
Alessandro Buongiorno
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 18-09-2022


26 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Simone4Toro
Simone4Toro
4 mesi fa

Giocatore normalissimo..che vogliono spacciare come fenomeno.

M4rcus
M4rcus
4 mesi fa

Ma scusate, Alvarez non diveva essere marcato da Schuurs? Dov’era?

Simone4Toro
Simone4Toro
4 mesi fa
Reply to  M4rcus

Ma quando mai…l’uomo era di Buongiorno..che i è ampiamente addormentato e stava 2 metri dall’attaccante..all’umore dell’area piccola. Dormitona colossale

Simone4Toro
Simone4Toro
4 mesi fa
Reply to  Simone4Toro

Límite dell’area piccola

Jones
Jones
4 mesi fa

in ogni caso l’alternanza come centrale (QUELLO IN MEZZO DEI TRE) non dve esistere,Juric scelga o lui o Schuurs

Il Torino senza punte non funziona: l’esperimento è fallito

Izzo fa espellere Di Maria: gomitata dell’argentino, derby a rischio