De Silvestri, il braccio destro del Torino: imprescindibile per Mazzarri

di Andrea Flora - 7 Giugno 2019

Il pagellone / De Silvestri è sinonimo di sacrificio e perseveranza: qualità al servizio del Torino e di Mazzarri fondamentali nel corso di questa stagione

Terza stagione con la maglia granata per Lorenzo De Silvestri, terzino destro che nel corso del campionato è tornato più volte utile a Mazzarri ed è riuscito ad entrare a tutti gli effetti, definitivamente, nel cuore dei tifosi del Torino. Esperienza, qualità e intelligenza al servizio dell’allenatore e della squadra. Su 38 gare di campionato, il trentunenne romano ne ha giocate 32. 2426 minuti giocati su 2880 disponibili. Mazzarri già la scorsa stagione quando arrivò al posto di Sinisa Mihajlovic aveva le idee chiare sul terzino e sulle sue doti in mezzo al campo. Questa è stata la stagione della consacrazione a terzino, senza dimenticare le sue doti anche da difensore che per il mister toscano più volte è tornato utile in quelle volte in cui i tre difensori dietro non fossero troppo in forma.

De Silvestri, nel Torino una stagione da 7 in pagella

316 presenze in Serie A e 19 reti realizzate. Non un bomber, ma un ragazzo in grado di fare comunque la differenza in campo. Più uomo assist che goleador, con un senso del gioco mentre è in campo che pochi in questo campionato hanno espresso. Nella sua carriera infatti sono ben 26 gli assist serviti ai vari compagni di squadra e in quest’ultimo campionato in granata molte sono state le palle servite alla perfezione al Gallo Belotti che le ha sfruttate in pieno.

Ultima in ordine di tempo è stata la palla del 3-2 in rovesciata nel match contro il Sassuolo, un cross di De Silvestri dalla destra che ha disegnato un arco perfetto giunto sul destro di Belotti che ha realizzato il più bel gol del suo campionato.

Torino, il pagellone 2018/2019: i voti

Lorenzo De Silvestri, una stagione da vero leader, uomo spogliatoio e motivatore per i giovani che hanno molto da imparare e soprattutto da lavorare per poter pensare di prendere il posto del terzino destro come titolari. Due infortuni e solo 4 volte fuori dal terreno di gioco per l’intera durata della partita. Stakanovista, con lui in campo il Torino ha trovato una media di 1,75 di punti a partita.

Ha realizzato solo 2 reti, una nel girone d’andata nel 4-1 in casa della Sampdoria, forse la migliore partita giocata dal Torino; l’altra nell’ultima giornata, davanti al pubblico granata nel 3-1 alla Lazio, quando ci si mette il destino: la squadra con cui De Silvestri ha fatto l’esordio tra i professionisti e dove ha mosso i primi passi da calciatore.

VOTO: 7

più nuovi più vecchi
Notificami
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Utente
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)

Lo portò Sinisa.

DSR
Utente
DSR

Vero, ma pare che in molti lo hanno dimenticato

leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
Utente
leonardo (Cairo,le scuse sono finite)

Un giocatore che si è guadagnato il rispetto,dentro e fuori dal campo è solo da applaudire….grande desi.

TorinoGranata (ex GD) W il popolo Granata di Empoli
Utente
TorinoGranata (ex GD) W il popolo Granata di Empoli

mi uniscoovviamente all’applauso

Benvenuti
Utente
Benvenuti

No con la Samp il primo gol .ma con l’Empoli vinto 3-0 al Grande Torino. L’altro gol contro la Lazio ultima di campionato 3-1