L’amichevole contro l’Obermais Merano ha messo in luce l’idea di calcio di Juric: nel suo Torino i difensori si aggiungono alle punte

Forse capiterà più sovente del solito di vedere Armando Izzo esultare per un gol, proprio come nella foto di questo articolo. A differenza del recente passato, non avrà occasione di calciare il pallone in fondo alla rete avversaria solamente da azione d’angolo o da una punizione indiretta: il numero 5, così come i suoi colleghi di reparto, avrà più possibilità di segnare anche su azione. Nell’idea di calcio di Ivan Juric, infatti, in fase di possesso i difensori centrali salgono fino all’area di rigore avversaria diventando dei veri e propri attaccanti: lo si è visto chiaramente nell’amichevole contro l’Obermais Merano.

Torino, i difensori in attacco

Non è un caso che nel tabellino dei marcatori abbia scritto il proprio nome anche Koddi Djidji, che ha poi anche colpito una traversa con una conclusione di prima dal centro dell’area. Il difensore ivoriano si trovava in quella posizione perché lo prevedono gli schermi offensivi di Ivan Juric: quando il Torino attacca, uno dei due terzi di difesa, ogni volta che ne ha la possibilità, sale in avanti con lo scopo di creare superiorità numerica e dare anche meno riferimento alla retroguardia avversaria. Lo ha fatto Djidji in occasione del gol e della traversa, lo hanno fatto anche Armando Izzo e Alessandro Buongiorno, che non a caso hanno a loro volta sfiorato il gol in alcune circostanze.

Torino: Juric segue il modello Gasperini

Il celebre 5-5-5 di Oronzo Canà ne L’allenatore nel pallone già prevedeva che i difensori avanzassero diventando attaccanti e gli attaccanti retrocedessero diventando difensori: il tecnico della Longobarda interpretato da Lino Banfi puntava sull’effetto confusione che si sarebbe venuto a creare in campo da questo scambio di posizioni per sorprendere e colpire gli avversari. Nel 3-4-2-1 invece non regna il caos, ogni movimento è studiato e preparato, fatto in maniera lucida e consapevole: un po’ come avviene nell’Atalanta di Gasperini. A Bergamo ogni meccanismo è però rodato da diversi anni, Juric avrà certamente bisogno di qualche settimana in più di lavoro per oliare gli ingranaggi: quella che è la sua idea è però già evidente.

Armando Izzo
Armando Izzo
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 19-07-2021


19 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
GrilloParlante
GrilloParlante
3 mesi fa

Caro Piva, il nostro novello Oronzo avrà bisogno di anni e non di qualche settimana in più. Poi stia certo non raggiungerà i livelli dell’Atalanta bensì quelli della Longobarda. Prevedo a breve avvisteranno Juric al MaraCanà insieme a Gigi&Andrea! (nel caso vada male con la cronaca sportiva, cercano allo Zelig).

Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
3 mesi fa

La mossa successiva sarà quella di capovolgerli.

GrilloParlante
GrilloParlante
3 mesi fa

Questo articolo lo hanno nascosto subito. Chissà perché…

Vagnati in tribuna per la prima amichevole: il dt è a Santa Cristina

Az Alkmaar-Torino, amichevole internazionale per i granata l’8 agosto