Fra cinque settimane ci sarà la prima sfida vera, quella di Coppa Italia che cadrà intorno a Ferragosto: per quella data il Torino dovrà somigliare al suo allenatore

Meno di quaranta giorni al debutto stagionale. Poco più di cinque settimane per dare una forma alla squadra e presentare in campo, per la sfida di Coppa Italia che cadrà nel fine settimana di Ferragosto, un Torino che dovrà già avere un’impronta. Ed è il motivo per cui Juric vuole partire al più presto con il lavoro sul campo – ma serviranno ancora 48 ore di pazienza – anche se al momento è una squadra tutta da scoprire. Giocatori da valutare, tanti quelli da tagliare: molti sono solo di passaggio e quella torinese sarà una parentesi. Fretta di lavorare sul campo ma anche di avere a disposizione i giocatori giusti per il suo sistema.

Juric, la scelta del portiere

Ed è qui che entra in scena il mercato: ad oggi un solo movimento per la Prima squadra, Etrit Berisha, operazione che oltretutto pone Juric di fronte alla prima scelta della sua gestione granata. Chi sarà il portiere titolare? Una riserva che l’allenatore scioglierà e non da solo: nello staff di Juric oltre ai suoi fedelissimi c’è chi come Paolo Di Sarno ha già avuto modo di lavorare con Milinkovic-Savic e ne conosce bene le caratteristiche.

Lavoro sul campo da domani

Ci vorrà ancora pazienza, si diceva, per vedere al Filadelfia la squadra. Oggi ancora un giro di tamponi, visite di idoneità ma anche il vaccino: tutto necessario prima di iniziare la preparazione che si svolgerà a Torino fino a lunedì, mentre martedì la squadra raggiungerà il ritiro di Santa Cristina.

Ivan Juric
Ivan Juric
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 07-07-2021


9 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
MondoToro
MondoToro
3 mesi fa

Somigliare a lui? cioè mediocre e mercenario? Annamo bene, proprio bene (cit.)

ardi06
ardi06
3 mesi fa

La stessa identica squadra che ha fallito due anni di fila, meno n’koukou e probabilmente Belotti. Direi bene

Urbano XV
Urbano XV
3 mesi fa

Gli do 2 milioni per trasformare Verdi in un Olmo, anziche in un palo, e Rincon nel nuovo Pedri de noialtri.

Belotti perfetto dal dischetto: anche la firma del Gallo sul biglietto per la finale

Berisha-Milinkovic-Savic: parte il duello per una maglia da titolare