Il Torino si giocherà la salvezza contro la Lazio di Lotito, che si è più volte scontrato con Cairo negli ultimi mesi

Il Torino si giocherà la salvezza – cercando almeno un punto – contro una squadra che, a due partite dalla fine del suo campionato, non può più sperare di raggiungere la zona Champions League né rischia di perdere il posto nella prossima Europa League. E’ insomma senza obiettivi. Sarebbe una buona notizia, se non fosse che questa squadra è la Lazio, il cui presidente, Claudio Lotito, battibecca da diversi mesi con l’omologo granata, Urbano Cairo, e il cui allenatore, Simone Inzaghi, è il fratello di quello che allena il Benevento, che spera in una sconfitta dei granata per giocarsi al “Grande Torino” le proprie chance di permanenza in Serie A. Ha avuto un esito beffardo, la catena di eventi che ha messo in calendario martedì 18 maggio alle ore 20.30 la partita della 25^ giornata inizialmente programmata per il 2 marzo.

Le battaglie legali, tra il rinvio di Lazio-Toro e il caso tamponi

Lazio-Torino si giocherà tra la penultima e l’ultima giornata del campionato perché venne rinviata “per causa di forza maggiore”. Questo hanno stabilito il Giudice Sportivo, la Corte Sportiva d’Appello e il Collegio di Garanzia del CONI, i tre gradi della giustizia sportiva ai quali Lotito ha fatto ricorso per cercare di dimostrare invece che il Toro, colpito da un focolaio di Covid in quei giorni, avrebbe potuto scendere in campo nonostante il divieto di spostamento imposto dall’Asl al gruppo squadra. Manco a dirlo, il presidente biancoceleste ha pubblicamente sostenuto la propria tesi con numerose uscite pubbliche e toni accusatori verso il club granata.

In tema di battaglie legali, Cairo non è stato da meno. Il Torino, infatti, ha prima presentato un esposto alla Procura Federale e poi si è costituito contro la Lazio nel processo di giustizia sportiva sul caso tamponi, che ha poi portato – il 30 aprile scorso – alla condanna di Lotito ad un anno di inibizione. D’altronde, nella gara d’andata (finita 4-3 per i laziali), era sceso in campo, segnando, Ciro Immobile, risultato positivo al coronavirus pochi giorni prima, secondo il tampone effettuato presso il laboratorio Synlab. Insomma, i granata avevano validi motivi per osservare più da vicino il dibattimento.

Lotito vs Cairo: i veleni e le frecciate

Lo scontro tra i due presidenti, però, ha radici lontane. Citiamo un caso a titolo di esempio: nel dicembre 2019, i due erano arrivati quasi alle mani durante le discussioni per eleggere il nuovo presidente della Lega di Serie A. E poi c’è la questione dei giornali del gruppo RCS, di cui Cairo è l’azionista di maggioranza. A maggio 2020, Lotito ha querelato La Gazzetta dello Sport per un articolo, a suo dire, diffamatorio nei suoi confronti. E, a novembre 2020, il patron laziale ha rincarato la dose, proprio dopo l’esposto per il caso tamponi di cui sopra: “Cairo mi odia a morte dopo che ha perso con me, i suoi giornali mi attaccano per questo. Ma perde sempre, è ultimo in classifica”.

Sarà uno scontro tra nemici, insomma, quello dell’Olimpico di Roma. Avvolto da vecchie ruggini e timori presenti – tutti granata, questi. Il Toro si gioca la stagione e il futuro, ma l’avversario, evidentemente, non disdegnerà la possibilità di fare uno sgambetto a Cairo e alla sua squadra. Un pericolo in più, verso una sfida che Nicola ha scelto di preparare con un mini-ritiro. Il gruppo si isolerà, il presidente vivrà con apprensione le prossime ore – che rischiano di certificare un fallimento sportivo da tempo acclarato – e intanto penserà a come risolvere le conseguenze delle gravi parole pronunciate contro la Sindaca di Torino, Chiara Appendino, durante un colloquio con alcuni tifosi. Un’altra macchia, in un biennio di disastri.

Urbano Cairo in conferenza stampa
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 17-05-2021


14 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ardi06
ardi06
1 mese fa

Già lo scrissi giorni fa, perché cairo non ha chiesto il 3/0 a tavolino per l’andata quando oltretutto uno degli avvocati specializzati nel calcio tra i più competenti e preparati disse pubblicamente che se la società Torino uc l’avesse richiesto lo avrebbe ottenuto? Qualcuno sa rispondere?

T9
1 mese fa
Reply to  ardi06

Anch’io vorrei tanto saperlo. Direi che basterebbe chiederlo a Cairo o ai legali della società. Mandate Staffelli col tapiro

ToroTo
ToroTo
1 mese fa

Quanto moralismo un tanto al chilo. Chi non ha mai sparlato e insultato alle spalle di qualcuno che gli stava sulle scatole? Il problema è un altro: Appendino ha confermato che ci sono ancora ostacoli burocratici. Il che, dopo tanti anni, ha dell’incredibile e dimostra una volontà politica di mettere… Leggi il resto »

ToroTo
ToroTo
1 mese fa
Reply to  ToroTo

SCusate, era il commento a un’altra notizia

T
T
1 mese fa

Personalmente dubito molto che, in tempi in cui le squadre (già in generale ritardo sugli stipendi) vanno a chiedere ai giocatori di rinunciare a delle mensilità, qualcuno possa andare a promettere premi di qualsivoglia genere. Per giunta per motivi relativamente futili. Per quanto a Lotito possa stargli sulle p@lle Cairo,… Leggi il resto »

Torino, ora basta un punto per la salvezza: gli scenari

Vigorito: “Lazio-Torino? Mi preoccupa l’atteggiamento dei biancocelesti”