Mazzarri si è scagliato ancora contro gli arbitri. Contro l’Udinese è arrivata la quarta espulsione, e prima del Napoli il tecnico era furente

Partiamo dalla fine, dall’ultimo capitolo di un botta e risposta lungo almeno sette mesi. Sostiene Mazzarri, alla vigilia di Napoli-Torino: “Gli arbitri dovrebbero riflettere un po’, la sanzione la dovrebbero pagare un po’ l’arbitro e un po’ il quarto uomo, si sono divertiti ad allontanarmi senza motivo. Io ho quindici anni di carriera e a volte si trovano arbitri che hanno ancora il latte davanti alla bocca e credono di essere depositari del sapere di tutto”. Parole dure, quelle dell’allenatore granata. Ma non sono di certo le prime di una stagione contraddistinta da tante polemiche con la classe arbitrale.

Mazzarri contro gli arbitri: tra espulsioni e dichiarazioni furiose

Tutto comincia già alla prima giornata. Il Torino ospita la Roma, il VAR rimane silente su un contatto quanto meno dubbio tra Fazio e Falque e Mazzarri esplode. Espulsione, la prima del campionato. Ma nessuna dichiarazione. Perché per esporsi anche a livello mediatico il tecnico attende ancora. Si arriva al 6 ottobre, alla sfida contro il Frosinone vinta a fatica anche a causa di un fallo (evidente) su Sirigu in occasione del primo gol ospite ma non ravvisato dal signor Pezzuto: “Gli arbitri stanno influenzando troppo le nostre partite. Io adesso sono stufo, è arrivato il momento di smetterla. Adesso abbiamo vinto e posso dirlo, se avessi perso sarei stato zitto. Pretendo più rispetto.

Mazzarri dopo Torino-Fiorentina diceva: “Non mi va giù l’arroganza”

A far saltare il banco pensa però la gara interna contro la Fiorentina. Lì Mazzarri si becca la seconda espulsione stagionale – questa volta punita con la squalifica, che gli costerà la panchina a Genova contro la Samp- e nel dopopartita sbotta: “Quello che non mi va giù è l’arroganza del potere, quella che ti permette di poter mandare via un allenatore che stava semplicemente chiedendo spiegazioni. Non mi sembra di essere un pivellino, sono stanco”.

Torino, contro l’Udinese quarta espulsione stagionale di Mazzarri

Perché al di là degli errori in campo, quello che Mazzarri proprio non riesce a digerire è l’accanimento che ravvisa nei suoi confronti. Lo stesso registrato dopo Torino-Udinese: “Non so neanche perché sono stato allontanato. Questa volta non ho detto proprio nulla, non me lo aspettavo di essere allontanato”. Quella contro i friulani è stata la quarta espulsione – la terza, quella contro il Milan, era stata subito chiarita con Orsato e ciò gli aveva permesso di presenziare a bordocampo nel derby contro la Juventus – in una stagione travagliata.

Solo una multa, la decisione del Giudice. Ma questo non è bastato a placare la furia del tecnico. E la vigilia, in casa Toro, si è fatta bollente: il fronte con gli arbitri resta aperto, apertissimo. Le parole in conferenza stampa, prima di partire per Napoli, sono lì a dimostrarlo.


32 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Giankjc (una testa di ghisa si fida solo di soldatini dai piedi di ferro)
Giankjc (una testa di ghisa si fida solo di soldatini dai piedi di ferro)
3 anni fa

Da piagnina a “piagn ONE”👍.

tarzan_annoni
tarzan_annoni
3 anni fa

Ieri Coppitelli, nel derby primavera, quando Kone credeva di aver subito un fallo e si è messo a protestare con l’ arbitro, lo ha ripreso (il giocatore), dicendogli “se non ti caccia lui, lo faccio io”. Mazzarri avrebbe iniziato una pantonima esagerata, esasperando arbitro, giocatore e pubblico. Tutto detto. Sto… Leggi il resto »

fuser90
fuser90
3 anni fa

Altro che mazzarri, andate a vedervi spal fiorentina che hanno rubato oggi, e la spal è più di un anno che provano a mandarla in B in tutti i modi altroché il piangina
Semplici almeno non si lamenta e fa giocare una squadra che sa di essere penalizzata

Dirk Diggler
Dirk Diggler
3 anni fa
Reply to  fuser90

Si si avranno rubato ma hanno tirato (i viola) 23 volte in porta… ti ho detto tutto

Toro, non c’è pace per la difesa: cambierà per la quinta volta di fila

Napoli-Torino, i Top e Flop: difesa insuperabile ma troppe occasioni sprecate