Gli ex di Inter-Torino, oltre a Mazzarri anche Ansaldi e Ljajic hanno vestito la maglia neroazzurra. Tra gli ex dell’Inter, Padelli, Berni, D’Ambrosio e Asamoah

Domenica sera il Torino affronterà l’Inter a San Siro e per 7 dei protagonisti della sfida sarà l’occasione per rivivere il proprio passato, a partire da Mazzarri. Il tecnico granata, infatti, tornerà per la prima volta a San Siro da avversario dopo l’esonero del novembre 2014. All’epoca il tecnico, l’ultimo scelto da Moratti, guidava proprio la truppa neroazzurra ma dopo il pareggio per 2-2 contro il Verona la nuova società optò per un cambiamento chiamando Roberto Mancini. Il pareggio contro il Verona, dunque, resta l’ultimo risultato di Mazzarri in maglia neroazzurra che lasciò l’Inter in nona posizione dopo aver ottenuto 4 vittorie, 4 pareggi e tre sconfitte per un totale di 16 punti. Quella contro l’Inter, dunque, non sarà semplicemente la seconda sfida di altissimo livello di questo inizio campionato: certamente non per Mazzarri che, comunque, non è l’unico ex del match.

Inter-Torino: Ansaldi e Ljajic sfidano il loro passato neroazzurro

Tra i granata, oltre al tecnico Walter Mazzarri, sono due i giocatori che ritroveranno la maglia azzurra da avversari. Il primo è Cristian Ansaldi, prelevato proprio dall’Inter la scorsa estate, che arriva in neroazzurro nel 2016. Dopo un inizio complicato a causa di un infortunio che lo tiene lontano dal campo per circa un mese, fa il suo esordio in maglia interista nel settembre 2016 in Europa League contro lo Sparta Praga subentrando a D’Ambrosio. Nel complesso, con l’Inter mette a segno 26 presenze tra campionato e coppe. Per quanto riguarda Ljajic, autore del gol vittoria del Torino nell’ultma sfida contro l’Inter al Grande Torino, invece, l’attaccante approda in neroazzurro in prestito dalla Roma e ottiene 25 presenze in campionato con 3 gol all’attivo e 3 presenze e un gol in Coppa Italia, la prima rete in questa manifestazione.

Padelli, Berni, D’Ambrosio, Asamoah: sono 4 gli interisti con un passato in granata

Se tra le fila del Torino ci saranno tre interisti, 4 saranno quelli presenti tra le fila dell’Inter. Il primo è Daniele Padelli che al Toro ha vissuto una delle sue esperienza più importanti. In maglia granata è restato dal 2013 al 2017 diventando titolare dopo la squalifica di Gillet. Esordisce anche in Europa League e riesce a tenersi la maglia da titolare anche dopo il rientro di Gillet che andrà poi a giocare al Catania. Farà invece da secondo a Joe Hart dopo l’arrivo del portiere inglese e prima di lasciare il Torino, la stagione successiva, con 100 presenze all’attivo e 132 gol subiti. Stessa squadra stesso ruolo, anche per Tommaso Berni c’è stato un passato granata. L’esperienza con il Toro durò soltanto una stagione, quella del 2013/2014, nella quale non collezionò alcuna presenza. Esattamente come per Asamoha: arrivato in prestito dal Bellinzona nel 2008 esordisce nel Campionato Primavera mentre non ottiene alcuna presenza con la Prima Squadra. Rendimento ben diverso, invece, per D’Ambrosio. In granata dal 2010 al 2014, il terzino diventa uno dei migliori uomini del Toro di quegli anni totalizzando 122 presenze e 10 gol prima di trasferirsi proprio all’Inter.

 


4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Giankjc (Gianky1969)
Giankjc (Gianky1969)
3 anni fa

Qui non risultava fosse mai stato cacciato… forse avete scritto una cazzäta. O forse c’è qualche utente-cazzäro?
2

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
3 anni fa

Immagino domenica. All’entrata di wooolter in campo, 60000 interisti che faranno la ola per lui. Speravano di non vederlo mai più a San Siro.

Giankjc (Gianky1969)
Giankjc (Gianky1969)
3 anni fa

Del piagnina ci sono ancora i fazzoletti a terra davanti alla panchina.

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
3 anni fa

Mazzarri è gia stato esonerato? Strano è un pragmatico. Non ci sono più i pragmatici di una volta. Vero, Rocco è inarrivabile.

Inter-Torino, è di Belotti l’ultimo gol vittoria dei granata a San Siro

Meité non si nasconde: “Obiettivi? Andare in Europa e vincere la Coppa Italia”