Millico-Vlahovic: ex Primavera a due facce verso Torino-Fiorentina

Vlahovic e Millico, chi ha spazio e chi lo cerca: le due facce degli ex Primavera

di Francesco Vittonetto - 5 Dicembre 2019

Millico fa panchina nel Torino, Vlahovic è un (quasi) titolare della Fiorentina di Montella: destini opposti dopo i duelli in Primavera

6 giugno 2019, l’ultimo duello tra Vincenzo Millico e Dusan Vlahovic è allo stadio “Ricci” di Sassuolo. E’ il playoff del campionato Primavera, finisce 2-2: il Torino passa per la migliore posizione di classifica nella regular season. E chi segna? Loro due ovviamente: una doppietta a testa. Difficile immaginare un epilogo diverso per una stagione che ad entrambi ha regalato valanghe di gol e pure un po’ di spazio in prima squadra. Non proprio lo stesso spazio, a dire il vero. Il serbo gioca addirittura una partita dal primo minuto (9 dicembre 2018, Sassuolo-Fiorentina 3-3), poi subentra in altre nove occasioni. Il granata, invece, resta con in mano la bandierina dell’esordio (23 febbraio 2019, Torino-Atalanta 2-0), ma niente altro.

Millico e lo spazio che non c’è: Mazzarri lo vede poco

Bormio, poi, lo lancia definitivamente nella prima squadra di Mazzarri. Gettoni (mai da titolare) e un gol in Europa League, due spezzoni in campionato per un totale di undici minuti. Quattrocentocinquanta in meno rispetto a quelli collezionati dal vecchio rivale, quel Vlahovic che domenica potrebbe arrivare al “Grande Torino” per giocarsi dal primo minuto la sfida contro i granata.

I destini incrociati si sono fatti opposti. Nel corso di questa stagione tra i due c’è un abisso. Millico è chiuso da Verdi, Berenguer, Zaza e nell’ultima sfida contro il Genoa Mazzarri ha preferito far entrare anche Edera nel finale piuttosto che il suo numero 22.

Vlahovic, invece, ha da un lato approfittato delle squalifiche e degli infortuni che hanno appiedato a tratti Chiesa e Ribery, ma ha anche saputo scalzare Boateng, Ghezzal e il nuovo (e decantato) Pedro Neto.

Ma i tifosi si chiedono: senza Belotti, perché non lui?

E’ tutto diverso, rispetto a un anno fa. Quando i due ribattevano gol su gol. Ora, tra forum e social, il nome di Millico è tornato a rimbalzare con vigore: Mazzarri, perché non lui?, si chiedono in molti. Senza Belotti e con il punto interrogativo Zaza, puntare sull’ex Primavera non sarebbe neanche un’ipotesi tanto remota. E poi sai che duello (di nuovo) con Vlahovic?

più nuovi più vecchi
Notificami
tony polster
Utente
tony polster

Ho visto decine di volte mi11co in primavera.devastante.ma con un atteggiamento…supponente.
Ho visto tre/quattro volte vlahovic e kulusevsky sempre im primavera e mi sono parsi piu’…pronti.magari sbaglio ma i calciatori non maturano alla stessa eta’.lo stesso zaniolo due anni fa non era il crack che e’ adesso

vecchiamaniera
Utente
vecchiamaniera

Beh,anche Zaniolo non è un santo sia alla Roma che in Nazionale.

tony polster
Utente
tony polster

Vero.ma prima ha sgobbato a ritagliarsi uno spazio nella roma e nella under 21.
Il nostro non lo hanno portato nemmeno nella under 19 (e ha pure polemizzato inutilmente contro la scelta,benche’ avesse tutte le ragioni…)

vecchiamaniera
Utente
vecchiamaniera

Ti sei dato la risposta da solo.

Rob 62
Utente
Rob 62

Belotti è fuori, Berenguer improponibile in quella posizione, Zaza sta sul caxxo oltre al 90% del tifo granata anche a Mazzari che purtroppo è quello che decide chi va in campo…butta dentro il giovane…o abbiamo paura di perdere la zona coppe ?
Ma dai….x favore…

ale_maroon79
Utente
ale_maroon79

L’anno scorso Vlahovic era il suo rivale in Primavera, poi abbiamo il nostro principale attaccante infortunato… Ci sono tutte le condizioni giuste per far giocare il nostro Vincenzo.