Per Acquah, Valeri è un incubo ma il centrocampista esegue alla perfezione i dettami del tecnico: “Non si può essere uomini in casa e femmine fuori”

Fischio finale: 1-1, pareggio che sta stretto, anzi strettissimo, ai granata che escono dallo Juventus Stadium con un punticino che sa di beffa finale ma dimostrando che non tutte le squadre che entrano in casa bianconera devono per forza fare la parte della vittima sacrificale. Ruolo che si è trovato a ricoprire, suo malgrado, Acquah. Si poteva vincere, il derby, si poteva vincere non sprecando l’ultima punizione e giocando il pallone. Si poteva anche perde se i bianconeri non avessero, per fortuna di Belotti e compagni, sbagliato e sprecato ogni occasione da gol avuta fino alla fine del match. Fino a quel maledetto gol di Higuain. Tutto giusto, tutto vero ma il day-after, per l’ennesima volta, invece di essere dedicato agli elogi per un gruppo, quello granata, sceso in campo finalmente con il giusto carattere e la giusta grinta che si richiedono in un derby, è di nuovo amaro. Amarissimo perché, di fatto, costato caro ai granata e non solo in termini di risultato finale.

A farne le spese, insieme ad un Mihajlovic infuriato e a rischio di una lunghissima squalifica, è il ghanese Acquah. Il centrocampista del Toro, rilanciato da Mihajlovic nel nuovo modulo, nelle ultime giornate aveva dato prova di essere un giocatore fondamentale per i granata tanto che il tecnico serbo non se n’è privato nemmeno contro la Juventus. Una scelta che, fino al momento dell’espulsione, aveva dato ragione a Sinisa e al centrocampista autore, anche ieri sera, di una prestazione assolutamente in linea con le precedenti. Insostituibile, con questo nuovo sistema di gioco: migliorato molto in termini di precisione, incide e soprattutto aumenta il tasso fisico di una mediana nel complesso “piccola” e leggera. Il centrocampista ideale, si sarà detto Mihajlovic, per affrontare la corazzata bianconera. Già, ideale fin tanto che l’arbitro decide di lasciargli la possibilità di giocarlo, questo derby. E invece bastano appena 38 minuti per dare inizio alla lunga lista di “sviste” arbitrali. Intervento di Acquah su Dybala, entrambi smanacciano, il bianconero accentua e Valeri estrae il giallo. È l’inizio della fine e al ’12 della ripresa il quadro è completo. Intervento del centrocampista su Mandzukic e per Acquah arriva il secondo giallo e l’espulsione. Una decisione assurda, “una bestemmia”, come la definirà Mihajlovic più tardi, considerare fallo un intervento sulla palla, pulito, netto, forse irruento ma assolutamente corretto e indiscutibile. Una decisione che, tuttavia, compromette la partita del Toro e taglia fuori dai giochi Acquah. 

Rimproveri al centrocampista per un intervento che ha costretto il Toro a chiudere in 10 il match? Neanche per sogno. “Loro lo sanno che non accetto più atteggiamenti molli o partite da mezze seghe”: l’atteggiamento preteso dal tecnico serbo non poteva essere interpretato in maniera più limpida dal centrocampista ghanese che non si è risparmiato, facendo esattamente quanto chiesto da Mihajlovic. “Non si può essere uomini in casa e femmine fuori”. Non lo è stato il Toro, non lo è stato Acquah.


41 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
TheMaroonReflex
TheMaroonReflex (@themaroonreflex)
4 anni fa

Credo che in una società seria (e potente) il presidente debba demandare le proteste colorite ai suoi sottoposti e dirigenti. Giusto per non diventare la macchietta dei vari Rozzi ecc, nè di padrini come spesso accade a Venaria. La storia insegna che fare il presidente a Torino e del Torino… Leggi il resto »

TheMaroonReflex
TheMaroonReflex (@themaroonreflex)
4 anni fa

Scimmie sifilitiche è fantastica…! È proprio reale… dà un senso di veridicità incredibile… basta guardare gli spalti quando la TV dei prezzolati inquadra il pubb(l)ico… Scimmie sifilitiche… però a pensarci, povere scimmie si potrebbero offendere… Invece gli insulti e le male parole sintesi di un lessico volgarmente violento verso fratelli… Leggi il resto »

michele-Miva (a quando il Ban dei multinick?)
michele-Miva (a quando il Ban dei multinick?) (@miva)
4 anni fa

Vomitevole cairetto alla domenica sportiva. Vergognoso…quanto gode quando parla di belotti….occhi con i Dener

Giancarlo (Gianky1969)
Giancarlo (Gianky1969) (@gianky1969)
4 anni fa

Non gli crede nessuno, nemmeno lì.

Ljajic il simbolo del Toro che ammutolisce lo Juventus Stadium

Hart para anche le critiche: il derby l’ultimo grande palcoscenico in granata