I due giovani granata, finora poco impiegati, si son fatti trovare pronti al loro ingresso col Milan

Contro il Milan la squadra di Juric si è dimostrata una spina nel fianco non indifferente, in una gara che ha visto granata fronteggiarsi ad armi pari, rischiando in più occasioni di trovare quel gol che gli avrebbe consentito di festeggiare un risultato considerevole per spessore dell’avversario. Il Toro è riuscito a chiamare in causa più volte Maignan. Un lancio lungo in profondità. Uno contro uno contro uno dei migliori difensori del campionato. Finta, tocco di suola per entrare in area. Va sul mancino, ma poi con un gioco di gambe ritorna sul destro. Tomori lo avrà affrontato più volte in allenamento, eppure ci casca. Calcia. Il tiro è centrale e Maignan risponde in bagher, da pallavolista. Il protagonista dell’azione è, come avrete intuito, Pietro Pellegri.

Pellegri, risposta convincente sulle sue condizioni

Una bellissima iniziativa personale, di un giocatore tutt’altro che banale. Domenica scorsa – prima di finire sotto i ferri per un’operazione alla mano – ha avuto l’onere di caricarsi sulle spalle l’attacco granata, dopo la sostituzione con uno stremato Belotti. Nulla di trascendentale, ma vederlo affrontare un mastino come Tomori con quella leggiadria di pensiero e di gambe non può che aver sorpreso un intero ambiente, abituato a leggere il suo nome tr i residenti dell’infermeria. Juric, il tecnico che lo ha fatto esordire in massima serie, gli ha concesso finora solo tre spezzoni. Una ventina di minuti a Udine e appena undici a Cagliari. La febbre e i problemi al ginocchio ne hanno finora inficiato nell’inserimento in rosa, ma mai dire mai da qui all’ultimo triplice fischio della stagione. Le alternative scarseggiano e Juric potrebbe farci affidamento. Pellegri sembra essere pronto per ritagliarsi più spazio, così come Demba Seck.

Il Seck sbarazzino visto contro i rossoneri merita più spazio

L’ex Spal ha disputato appena undici minuti in granata, tra il Milan e la gara di due mesi fa col Cagliari. Col Diavolo è subentrato a Pobega all’84’ e appena ha toccato un pallone si è esercitato in una sgambata dribblando Saelemaekers con una bella finta di corpo, per poi servire con maturità Brekalo sull’out mancino, una volta giunto su di lui Tomori. Nel vivo del gioco anche quando all’88’ riceve il pallone sulla ripartenza partita dall’intercetto di Buongiorno su Calabria. Prova a puntare ancora Saelemekers, si porta sul fondo per crossare, ma il suo traversone finisce tra le mani di Maignan. Due episodi che raccontano la sua sfacciataggine, che di certo avrà colpito anche Juric che però non ha mancato di rimproverarlo. La personalità del senegalese può fare comodo e lo candida a un impiego maggiore negli ultimi scampoli di stagione.

Demba Seck
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 15-04-2022


4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
thethaiman
thethaiman
1 mese fa

Pellegri ha saltato Tomori solo perché quest’ultimo stremato come ha affermato Pioli “Ho dovuto toglierlo perché non ce la faceva più, ha dovuto fare 1500 scatti per star dietro a Belotti”, testuali parole.
Chi vuol capire capisca.

Sunnapunna
Sunnapunna
1 mese fa
Reply to  thethaiman

Assolutamente d’accordo.
Al momento sto Pellegri e’ macchinoso e lento.
Son sicuro Juric valutera’ e prendera’ la decisione

Troposfera Granata
Troposfera Granata
1 mese fa

Caro Juric, testa a fondo questi due ragazzi nelle restanti partite. Tenerli in panca non serve. E chissenefrega della classifica finale, non saranno certo 5 punti in più o in meno a spostare la nostra stagione.

Cup
Cup
1 mese fa

Concordo, e! magari scopriamo di avere già in casa la soluzione a qualche problema

Cairo: “Belotti? Potrebbe anche aver già firmato con un’altra squadra”

Lys Gomis, che stangata: squalifica di 18 mesi per “condotta gravemente violenta”