Petrachi: "Al Toro mi chiamavano Mister Parametro Zero" - Toro.it

Petrachi: “Al Toro mi chiamavano Mister Parametro Zero”

di Francesco Vittonetto - 17 Novembre 2020

In un’intervista, l’ex ds del Torino Gianluca Petrachi racconta molti retroscena del suo passato alla Roma. E dice qualcosa anche su Cairo…

Una lunga intervista senza filtri, quella rilasciata da Gianluca Petrachi al Corriere dello Sport. L’ex direttore sportivo di Torino e Roma ha raccontato molti retroscena, soprattutto della sua avventura in giallorosso. Ma non ha trattenuto nemmeno qualche battuta sugli anni in granata. Partendo dalla fine, dallo strappo con il presidente Urbano Cairo, scottato dalla scelta del suo dirigente, convinto di lasciare per andare nella Capitale: “Cairo non voleva farmi andar via. Non ha mai accettato le mie dimissioni”. Al Toro, il ds è rimasto per un decennio. E attraverso il suo operato si è anche guadagnato un soprannome: “A Torino mi chiamavano Mister Parametro Zero, ha rivelato.

I giallorossi furono vicini a Conte: “Ma non ho seguito la trattativa”

Petrachi ha poi confermato quanto la Roma fu vicina a Conte nell’estate del suo approdo in giallorosso: “A Roma erano davvero convinti di chiudere con Conte. Veniva da un anno difficile, le beghe legali con il Chelsea. Era voglioso di sfide nuove. E’ una trattativa che non ho seguito, non ero ancora alla Roma”. Tra gli altri profili contattati (Gasperini e De Zerbi in primis), figurava anche un ex allenatore del Toro, Sinisa Mihajlovic, con il quale però il dirigente salentino non instaurò un rapporto sereno negli anni in granata.

Petrachi sull’addio alla Roma e su Pallotta

Al momento, l’ex Pisa sta portando avanti una battaglia legale contro la Roma, che lo ha licenziato per giusta causa (qui c’è un aggiornamento): “Alla radice dell’addio c’è una mancata comunicazione tra me e Pallotta. L’ho visto due volte in tutto. Al telefono non parlavamo mai, io non parlo inglese. Sono pigro e poi non ho un bel ricordo della mia parentesi inglese”. E su un possibile ritorno a Trigoria, Petrachi ha dichiarato: “Se mi chiamassero? Spiegherei alla nuova proprietà le mie ragioni. Dovessi rientrare sarei felice ma, devo essere sincero, non lo farei a qualunque condizione. Io non cambio. Petrachi deve fare Petrachi”.

Gianluca Petrachi
Gianluca Petrachi, Torino

13 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
5 giorni fa

L’elenco dei nomignoli fallo fare a noi.

Mikechannon
Mikechannon
5 giorni fa

Forse con i Cerchietti e gli Immobili si

Mikechannon
Mikechannon
5 giorni fa

Anche Moggi forse non sapeva l’inglese ma il suo lavoro lo faceva bene, eccome!