Lo stop di Marko Pjaca sembra non avere fine: indisponibile dalla Lazio, rischia di salterà anche le prossime tre partite in programma

La fortuna sembra aver voltato ancora una volta le spalle a Marko Pjaca. Un inizio di stagione promettente è infatti stato stroncato dopo poco a causa dell’ennesimo infortunio. Quella bestia nera chiamata fragilità fisica è rimasta ad aspettarlo al varco, per poi riemergere tutta d’un tratto contro la Lazio. I biancocelesti sono infatti l’ultimo club che ha affrontato, per poi fermarsi contro Juventus, Venezia e Napoli. La pausa Nazionali che doveva essere la data spartiacque per il suo ritorno, si è solamente aggiunta al periodo d’indisponibilità, che potrebbe perdurare ancora a lungo.

Pjaca, un’assenza che potrebbe durare due mesi

L’Odissea che il trequartista granata sta vivendo non è infatti ancora giunta al termine ed a confermarlo ci ha pensato direttamente Ivan Juric nel prepartita in vista del Genoa: “Il recupero? Non è breve, non si parla né di Milan né della prossima“. Niente San Siro per il turno infrasettimanale di martedì, e nemmeno il Grande Torino per il match contro la Sampdoria. Ancora una volta quindi, il Toro dovrà aggiustarsi senza quello che dovrebbe essere uno dei fulcri del gioco di Juric: il tecnico spera comunque di riaverlo a completa a disposizione al più tardi ai primi di novembre, prima della nuova sosta del campionato per gli impegni delle nazionali.

Toro, anche Verdi salterà le prossime sfide

Non è però l’unico in questa situazione. Come lui, anche Verdi salterà le prossime tre partite. Out già contro il Napoli a causa di una lesione muscolare al bicipite femorale destro, ha esternato il bisogno di tempi di recupero piuttosto lunghi. Anche lui, come il compagno di reparto, si è allenato a parte nella giornata di ieri al Filadelfia e difficilmente comparirà nella lista convocati. Pjaca vanta però più presenze: Verdi non è ancora riuscito ad ingranare con soli due match sulle spalle ed un gol. È tempo anche per lui di rimettersi in sesto.

Marko Pjaca
Marko Pjaca
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 22-10-2021


20 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ardi06
ardi06 (@ardi06)
1 mese fa

Purtroppo è fragile, spero sia l’ultimo infortunio perché ci farebbe comodo non poco

Troposfera Granata
Troposfera Granata (@carbonaro-doc)
1 mese fa

Speriamo che guarisca e ingrani anche fisicamente. Ho letto da qualche parte, anche se non ricordo dove (TMW?), che diversi giocatori, sotto Juric, siano diventati più robusti e meno soggetti agli infortuni.

thethaiman
thethaiman (@thethaiman)
1 mese fa

Sicuramente sarà delicato ma 35 presenze su 38 in serie A più 3 in CI lo scorso anno al Genoa non parrebbero dimostrare che sia un catorcio.

odix77
odix77 (@odix77)
1 mese fa
Reply to  thethaiman

Si anche questo è vero non credo però siano tutte da titolare…. detto questo è cmq un giocatore che ha dimostrato avere delle fragilità croniche e al momento da noi sembrano confermate, poi spero di sbagliarmi alla grande perchè secondo me è tra i piu forti che abbiamo in rosa… Leggi il resto »

davidone5
davidone5 (@davidone5)
1 mese fa
Reply to  thethaiman

Allora perchè i gobbi lo vogliono dare via ed il genoa non ci ha pensato minimamente nemmeno a chiedere di rinnovare il prestito?

thethaiman
thethaiman (@thethaiman)
1 mese fa
Reply to  davidone5

I gobbi perché hanno un sacco di esterni più forti e il Genoa perché per l’ingaggio. Da loro è stato sempre disponibile e questo è un fatto inconfutabile, tranne che per 3 volte. A meno che non fosse in panca pure in quelle 3 gare e non l’abbiano messo in… Leggi il resto »

davidone5
davidone5 (@davidone5)
1 mese fa
Reply to  thethaiman

I gobbi quando l’hanno preso non avevano esterni più forti poi lui si è fatto male lo hanno aspettato ma quando hanno capito che non si poteva recuperare a buoni livelli lo hanno sbolognato in prestito. Al genoa quanti goal e quanti assist ha fatto? Come mai i tifosi del… Leggi il resto »

Juric ‘bacchetta’ gli esterni: “Ci mancano i loro gol”

Torino-Genoa, il duello è tra i pali: il passato (Sirigu) sfida il presente (Milinkovic-Savic)